Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Mezzo metro di neve, nel parco del Beigua e in Val d’Aveto scenari da Lapponia

Più informazioni su

Genova. Nelle prossime ore è previsto un rialzo delle temperature quindi quel candore che ha ammantato le colline e le montagne di parte dell’entroterra ligure è destinato a dissolversi, ma per ora c’è chi si gode (o chi battaglia con) la neve caduta copiosa, soprattutto per essere la metà novembre, tra l’interno del savonese, il genovesato e la Val d’Aveto.

Le precipitazioni nevose in quota sono state registrate dal tardo pomeriggio di ieri: 50 centimetri Monte Settepani (1375 metri sul livello del mare), 40 centimetri a Urbe-Vara Superiore (810 metri di altitudine). Ma l’impatto visivo delle nevicate è persino più ampio. In Val d’Aveto in alcuni punti il manto nevoso ha superato il metro.

Secondo Arpal ancora per qualche ora la convergenza fra la tramontana sul ponente e lo scirocco sul centro levante manterrà piogge diffuse sul centro regionale con possibilità di temporali fino a forti. Con l’avanzare della giornata salirà lo zero termico, determinando la fine delle nevicate alle quote più basse.

Generica

La situazione sulle strade. Al momento la situazione sulla rete viabile provinciale è la seguente: Valle Stura (compreso Val d’Orba) SP 73 del Faiallo chiusa (probabile apertura in serata). Sgomberi neve effettuati su SP 69 di Capanne di Marcarolo, SP 41 di Tiglieto, Val Trebbia Sgomberi neve effettuati e taglio alberi che ostruiscono la carreggiata in corso sulle SP: 15,16,17,18,56,87. Val d’Aveto Chiusa la SP 72 di Alpepiana dal km 7 per frana e caduta alberi, SP 75 del Penna chiusa per neve e caduta piante. Traffico difficoltoso su intera rete stradale della Val d’Aveto per neve e caduta piante. Valli Graveglia e Sturla: Senso unico alternato su SP 37 di Semovigo per frana a monte. Tutte percorribili le altre strade provinciali

Domani, mercoledì, una tregua nelle precipitazioni con possibili schiarite, prima di un nuovo peggioramento a partire da giovedì.