Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

L’intelligenza artificiale ci ruberà il lavoro? A palazzo San Giorgio un’expo sul futuro

C1A0 Expo il 15-16 novembre a Genova con incontri, dimostrazioni pratiche e laboratori. Ci saranno anche 7 aziende liguri

Genova. Avvicinare il cittadino comune all’intelligenza artificiale che “non ci ruberà il lavoro ma aiuterà l’umanità a crescere”. È con questo obiettivo che nasce a Genova C1A0 Expo, la prima rassegna internazionale sul tema organizzata da Regione Liguria e Comune di Genova con una rete di big tech e start up, a palazzo San Giorgio il 15 e 16 novembre.

La manifestazione si dividerà in tre parti: un’area per il grande pubblico con esperienze pratiche, laboratori e convegni in cui speaker italiani e internazionali analizzeranno le applicazioni dell’intelligenza artificiale e le conseguenze sulla società, una “Arena” con panel, incontri e workshop dedicati al confronto tra aziende del settore e infine un tech garden rivolto agli studenti che hanno intrapreso percorsi di formazione nell’alta tecnologia.

La due giorni sarà preceduta da un hackatlon, una speciale gara digitale tra 12 squadre di esperti informatici che si svolgerà alla Camera di commercio di Genova e tratterà i temi del mercato dell’energia elettrica. Coinvolte in tutto una ventina di aziende e in particolare 7 imprese liguri che hanno avuto successo grazie all’intelligenza artificiale.

“È un evento particolarmente simbolico, dopo una lunga mattinata a occuparci di Ilva e della crisi dell’acciaio – commenta il presidente ligure Giovanni Toti -. Il fatto che in Liguria già oggi lavorino 24mila persone” nel settore hi-tech “è un dato significativo degli orizzonti che si possono esplorare”.

L’intelligenza artificiale “in Liguria è un campo che sta emergendo in maniera prepotente e bella perché non è drogato da particolari realtà ma sale fuori come i funghi nel bosco dopo la pioggia”, dice l’assessore regionale allo sviluppo economico Andrea Benveduti. “Mi auguro sia il primo di una serie di eventi che catalizzino l’interesse nazionale e internazionale sulla nostra città”.