Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

La Sampdoria agguanta e supera l’Udinese con Gabbiadini e Ramirez risultati

Vittoria importantissima per restare agganciati al treno salvezza

Genova. Una vittoria sofferta, ma determinante per la Sampdoria, che sale a quota 12 punti. Gabbiadini in pieno recupero nel primo tempo e Ramirez su rigore, consentono ai blucerchiati di superare l’Udinese, andato in vantaggio per primo con Nestorovski. L’espulsione di Jajalo a inizio ripresa ha rappresentato un importante contributo nell’economia della partita a favore della squadra di Ranieri.

Primo tempo, pareggio in extremis

Minuto di silenzio e un lungo applauso durante le parole dello speaker abbinate alle immagini che scorrono sui maxi schermi, per la scomparsa di Ermanno Cristin, storico attaccante blucerchiato, avvenuta giovedì scorso.

Con Bereszynski infortunato Depaoli viene arretrato sulla linea di difesa. Ekdal ha il difficile compito di prendersi cura di De Paul, l’elemento più temibile della squadra allenata da Gotti. In attacco è Gabbiadini ad affiancare Quagliarella, mentre Ramirez viene scherato esterno a centrocampo.

Si parte subito con un rischio enorme per la Sampdoria: Nestorovski insacca di testa su cross di De Maio al 3′, ma Pairetto annulla dopo un lungo consulto con i colleghi al var. La posizione di partenza dell’attaccante era in fuorigioco.

La Sampdoria mostra ancora qualche difficoltà nella manovra e cerca di sfruttare le fasce, sfiorando la rete alla prima vera occasione è al 12′: cross di Jankto, colpo di testa di Ramirez che si ferma sul palo.

Ci prova ancora la Samp. Sugli sviluppi di un corner, il colpo di testa di Ferrari viene intercettato da Gabbiadini, che sotto porta alza sopra la traversa (20′).

Non è facile per i blucerchiati scardinare la compattezza dell’Udinese, che con Gotti ha ritrovato equilibrio e serenità: ci prova Jankto, uno dei migliori del primo tempo, al 26′ con una conclusione a metà tra il tiro e il cross, costringendo Musso alla deviazione, la palla resta in gioco e Ramirez, sul secondo palo, ci prova in rovesciata, colpendo l’esterno della rete.

L’equilibrio della partita viene rotto da un pasticcio a centrocampo tra Ekdal e Bertolacci, con il secondo che cade, perdendo palla, probabilmente toccato dallo stesso compagno di squadra: Nestorovski ha campo libero e penetra centralmente, la conclusione a rete, deviata da Colley, trafiggge Audero per lo 0-1.

Piove sul bagnato al Ferraris, metaforicamente e non: nei primi 45 minuti Ranieri è costretto a sostituire per infortunio sia Depaoli (con Thorsby al 38′), sia Bertolacci al 44′ (dentro Linetty), che pochi minuti prima aveva . I blucerchiati ci provano nel finale con Gabbiadini, il cui rasoterra viene deviato da Musso, ma il numero uno dei friulani non può nulla contro la traiettoria perfetta dello stesso Gabbiadini, che si insacca sotto l’incrocio dei pali al 51′, in pieno over time.

Secondo tempo, il rigore liberatorio

Si riparte con la Sampdoria galvanizzata dal pareggio e con Ramirez spostato dietro le punte. I blucerchiati fanno possesso palla e durante un’accelerazione a centrocampo Jajalo è ingenuo nell’atterrare proprio Ramirez da dietro, per lui arriva il secondo giallo. L’Udinese resta in dieci e Gotti si copre togliendo Nestorovski per Ter Avest: il modulo diventa un 4-4-1.

Un corner velenoso di Ramirez al 60′ impegna Musso in una deviazione abbastanza impegnativa. L’Udinese ora attende e cerca di perdere tempo. L’unica occasione vera della ripresa capita sui piedi di Lasagna su servizio di Nuytinck, il pallone sfiora il palo e termina fuori (67′).

È un’altra Sampdoria, anche grazie alla superiorità numerica, I blucerchiati provano ad allargare le fitte maglie dei friulani con una rete di passaggi in orizzontale, cercando poi di mettere il pallone al centro dell’area: ci prova proprio così Quagliarella al 69′, ma Musso anticipa Gabbiadini pronto alla deviazione.

Il capitano blucerchiato, quattro minuti dopo, finisce a terra in area di rigore, sgambettato da Troost-Ekong. Sulle prime Pairetto fa correre, ma poi ferma il gioco per andare a vedere le immagini, concedendo il calcio di rigore. Sul dischetto però si presenta Ramirez, perché Quagliarella si è fatto male proprio durante lo scontro col difensore avversario: il sinistro del centrocampista blucerchiato non lascia scampo a Musso, che resta immobile: 2-1 e ammonizione per l’uruguaiano per eccesso di esultanza.

L’Udinese ci prova nel finale prima con Pussetto e poi con Nuytinck, senza successo. Fischio finale e applausi da tutto lo stadio.

Sampdoria-Udinese 2-1

Reti: 29′ Nestorovski; 51′ Gabbiadini; 75′ Ramirez

Sampdoria: Audero, Depaoli (38′ Thorsby), Ferrari, Colley, Murru, Ramirez, Ekdal, Bertolacci (44′ Linetty), Jankto, Gabbiadini, Quagliarella (78′ Caprari).

A disposizione: Falcone, Augello, Vieira, Chabot, Rigoni, Regini, Maroni, Murillo, Leris.

Allenatore: Ranieri

Udinese: Musso, De Maio (89′ Teodorczyk), Troost-Ekong, Nuytinck, Opoku (78′ Pussetto), Mandragora, Jajalo, De Paul, Stryger-Larsen, Nestorovski (53′ Ter Avest), Lasagna.

A disposizione: Perisan, Nicolas, Sierralta, Samir, Fofana, Walace, Kubala, Ballerini, Barak.

Allenatore: Gotti

Arbitro: Pairetto di Nichelino

Ammoniti: Ramirez, Jankto (S); Jajalo, Nestorovski (U)

Espulso: al 51′ Jajalo.