Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

La Lavagnese torna alla vittoria. Il Ligorna si sveglia tardi a Sanremo risultati fotogallery

Bianconeri che trovano tre punti pesanti in chiave salvezza. Genovesi che devono lasciare il passo ai matuziani

Undicesimo turno in Serie D, Girone A, che vede le squadre della provincia di Genova in lotta dalla prima giornata per risalire una classifica che rimane molto corta che vede in testa ben 4 squadre che distano a loro volta 9 punti dalla coppia Ligorna – Lavagnese.

Nella prima domenica veramente autunnale dal punto di vista climatico, la Lavagnese trova la sua seconda vittoria stagionale e muove una classifica che resta preoccupante, ma che almeno si migliora. Al “Riboli” arriva il Chieri allenato da Massimo Morgia già sulla panchina del RapalloBogliasco. I torinesi provano subito a mettere sotto i liguri, ma al 20° un rapido rinvio di Nassano imbecca Bellucci che vede il taglio di D’Orsi il quale tutto solo non sbaglia ed infila Luppi. Nel resto del primo tempo si gioca molto a metà campo con i bianconeri che sono bravi a non farsi schiacciare.

Nel secondo tempo i ragazzi di Nucera mettono in campo una buona personalità con giro palla e attesa. Al 60° i levantini vanno vicini al raddoppio con Edoardo Oneto che difende bene palla, si libera dell’avversario e calcia, ma la sfera sbatte sul palo. Il finale è tutto sommato tranquillo, il Chieri non riesce a rendersi davvero pericoloso, mentre la Lavagnese può controllare, anche spendendo dei cartellini gialli con Romanengo e Alluci.

I bianconeri agganciano i cugini del capoluogo, ovvero il Ligorna che a Sanremo deve inchinarsi ad una superiorità tecnica e alla verve di Scalzi che piazza una tripletta devastante. Matuziani avanti già al 10° quando Scalzi parte in contropiede, entra in area e infila l’incolpevole Bulgarelli che non può opporsi. Passano altri dieci minuti e i locali allungano ancora con il fantasista biancoceleste che si beve un difensore e pure il portiere per poi depositare in rete. È un Ligorna frastornato che al 35° rischia il tracollo quando uno scatenato Scalzi si libera e ci prova in diagonale, ma stavolta Bulgarelli chiude la porta.

Nel secondo tempo la pressione matuziana non si allenta con subito un colpo di testa di Manes su calcio d’angolo, palla che colpisce il palo esterno. Genovesi davvero in difficoltà e poco propositivi, ma soprattutto in affanno come dimostra il goffo tentativo di liberare l’area di Gallotti che per poco non beffa il proprio portiere. Al 66° arriva il meritato tris dei sanremesi, lo firma Colombi che gira di prima in area una conclusione secca che non lascia scampo a Bulgarelli. A questo punto il Ligorna incredibilmente si sveglia. Al 75° il primo tiro insidioso è di Danovaro, Caruso blocca. Due minuti dopo Kacorri sfrutta un errore in disimpegno della difesa matuziana e batte il portiere con un tiro rasoterra. All’82° ancora Kacorri in area viene fermato con le brutte maniere e si guadagna un rigore che lo stesso attaccante trasforma nonostante il tocco di Caruso. Nel momento di forcing genovese, torna in cattedra Scalzi che in pieno recupero fredda Bulgarelli con un gran tiro. Finisce 4-2 con una Sanremese meritatamente vittoriosa ed un Ligorna che ha trovato una reazione tardiva.