La Cisl: "Tra Ilva, Fincantieri e Gronda a rischio 15mila posti di lavoro a Genova" - Genova 24
Allarme

La Cisl: “Tra Ilva, Fincantieri e Gronda a rischio 15mila posti di lavoro a Genova”

La rabbia del segretario Maestripieri: "Qualcuno ama la decrescita felice e condanna la Liguria a non avere più chance per il futuro"

Corteo Fincantieri 29 aprile

Genova. A causa delle scelte del Governo la città rischia di perdere 15mila posti di lavoro. Lo sostiene il segretario generale della Cisl Liguria, Luca Maestripieri.

“Siamo arrivati al punto in cui i nodi vengono al pettine”, sostiene il sindacalista, perché oltre ai 1.300 posti ex Ilva “il Governo ha ‘dimenticato’ anche di inserire nella manovra finanziaria le risorse per il ribaltamento a mare di Fincantieri e la Gronda resta lettera morta, quando basterebbe dare il via ai cantieri”.

“Tra posti di lavoro diretti e indiretti significa cancellare complessivamente la possibilità di occupazione di almeno 15mila persone in un momento come questo, in cui Genova e la Liguria non si possono permettere di rinunciare nemmeno ad un posto di lavoro. Il territorio ha bisogno di investimenti, invece il Governo lo ignora, lo dimentica, lo condanna a non avere più chance per il futuro”, attacca il segretario della Cisl.

Qualcuno ama la decrescita felice, conta su questo per raggranellare voti, e per raccogliere consensi tra i potenziali elettori non si fa scrupoli a gettare alle ortiche la regione e tutti i suoi abitanti. Questo non è il momento di essere diplomatici, lo dico chiaramente: o si troveranno soluzioni immediate per l’ex Ilva, per il finanziamento del ribaltamento a mare e si faranno partire i cantieri della gronda o i cittadini sapranno una volta per tutte chi è contro di loro, contro il futuro del territorio, chi getta via per motivi di convenienza elettorale il futuro dei loro figli”, conclude Maestripieri.

leggi anche
Generica
Il retroscena
Gronda sì, ma un po’ alla volta: ecco la strategia alla base della tregua armata Pd-M5s