Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Industria in crisi, boom di cassintegrati: in Liguria peggio che nel Sud Italia

Pesa la crisi di Piaggio Aerospace, peggio della nostra regione solo Molise e Basilicata

Genova. Il report statistico dell’Inps aggiornato a novembre lo conferma: la Liguria supera il Sud Italia per ricorso alla cassa integrazione, in particolare quella straordinaria. Nel periodo gennaio-ottobre il confronto col 2018 fa segnare 126,48% di ore in più. Peggio del Mezzogiorno nel suo complesso, che segna un aumento dell’83,04%, e molto peggio del Nord Ovest e del Nord Est, rispettivamente intorno al 10% e 15%. Persino la media italiana nel suo complesso è nettamente migliore (2,51%).

A pesare, come noto, sono state le grandi crisi industriali aperte negli ultimi mesi. Su tutte quella di Piaggio Aerospace, che ha visto scattare a giugno l’integrazione al reddito per 1.021 lavoratori, la maggior parte (791) occupati a Villanova d’Albenga, poi 217 a Genova e 13 a Roma. Ma nel frattempo continua l’erogazione del sussidio per i 280 lavoratori ex llva non assunti da ArcelorMittal. E proprio ieri è stata concessa dal Mise la cassa integrazione straordinaria per i 42 dipendenti della fallita Carena, impegnata fino a poco fa nella costruzione del nodo di San Benigno.

Peggio della Liguria, in termini di variazione percentuale, solo Molise (227,42%) e Basilicata (213,67%). Scendono invece le ore di cassa integrazione ordinaria (-37,85%), quelle di straordinaria per solidarietà (-78,84%) e quelle in deroga (-85,45%).

Ma il dato della cassa integrazione straordinaria è quello che pesa di più sul totale delle integrazioni salariali. Che infatti, ancora una volta, vede la Liguria indossare una maglia se non nera, almeno molto scura: dal 2018 l’aumento è del 67,67%, più marcato che nel Mezzogiorno italiano (44,62%) e nel paese in generale (18,30%).