Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Coppa Liguria: il Città di Cogoleto esce di scena

Il Pontelungo si impone 4 a 1 e approda in semifinale

Cogoleto. Il Cogoleto, con la testa già rivolta all’importante match di domenica prossima col Fegino, si presenta alla sfida col Pontelungo con un doppio handicap, dovendo presentare al direttore di gara una distinta priva degli infortunati Doga e Mastrogiovanni, oltre che degli squalificati Perrone, Vallarino e Molinaro (costretti, da un assurdo regolamento, allo stop forzato dopo due ammonizioni in diverse gare).

Mister Derio Parodi, volente o nolente, deve quindi ricorrere, sin dal primo minuto, a quattro giovani fuori quota, per affrontare il favorito Pontelungo, cui tra l’altro basta il pareggio per staccare il pass per la semifinale di Coppa Liguria di Prima Categoria, schierando questa formazione:

Città di Cogoleto: Mantero, Maragliano, Ferrando, Fazio, Caviglia, Lupia, Grezzi, Grandoni, Federici, Bellini, Revello.

A disposizione: Nucci, Asioli, Travi, Sciutto.

Mentre Fabio Zanardini manda in campo i seguenti giocatori:

Pontelungo: Breeuwer, Volpe, Enrico, Canetto, Greco, Sansalone, Caneva, Baldoino, Giraldi, Ardissone, Rossignolo.

A disposizione: Illiano, Bovio, Ferrari, Gerini, Pollio, Pierguglielmi, Monte, Guardone, Lecini.

Al 2° Grezzi serve brillantemente Federici, ma Breewer è pronto nell’anticipo.

Al 5° Pontelungo in vantaggio, con Rossignolo che sfrutta una palla in profondità per trafiggere Mantero in uscita disperata, ma vana.

Al 15° Grezzi, lanciato da Federici, non trova di poco il varco giusto per colpire la difesa ingauna.

Fa la partita il Cogoleto, che nonostante la formazione incompleta e l’essere stato colpito a freddo, regge bene il confronto col Pontelungo, che contrattacca con ficcanti ripartenze alla ricerca del raddoppio.

Al 30° altra imbucata di Grezzi per Federici, la cui conclusione è deviata in corner da un attento Greco.

Al 38° Federici e Grezzi, lanciati verso la posta avversaria, vengono fermati dall’arbitro per un fuorigioco millimetrico.

Al 39° slalom di Federici, atterrato da Baldoini (giallo per lui), ma la punizione di Grezzi finisce alta, sopra la traversa di Breeuwer.

Al 40° ammonizione a Grandoni per fallo su Giraldi. Sull’azione seguente, Canetto punisce i genovesi, insaccando la palla del 2-0 alle spalle di Mantero.

Al 42° Grandoni impegna Breeuwer in una parata a terra.

Le squadre vanno negli spogliatoi, col Pontelungo meritatamente in vantaggio, per aver saputo capitalizzare le occasioni a disposizione, mentre il Cogoleto, pur non sfigurando nel confronto, non è stato capace di mostrare concretezza in zona goal.

Si riprende, dopo l’intervallo, con due belle uscite del giovane Mantero, che impediscono al Pontelungo di chiudere immediatamente la partita.

Al 54° Maragliano respinge di testa, sulla linea di porta, il tiro a botta sicura di Caneva.

Al 55° Grezzi imbuca per Federici, che non trova lo spunto vincente per accorciare le distanze.

Al 56° entra Monte per Ardissone.

Al 61° esce Maragliano, sostituito dall’altro fuori quota Asioli.

Al 64° Grandoni, su corner di Lupia, svetta di testa, la la palla esce di poco… Cogoleto poco fortunato.

Al 65° esce Canetto per Lecini.

Al 66° bella conclusione di Guardone (da poco entrato), che non lascia scampo a Mantero (3-0).

Al 70° conclusione da fuori area di Asioli, con importante parata di Breewer.

Al 76° ecco il 4-0 per gli ingauni… con Monte che fredda Mantero, sfruttando una involontaria deviazione di un difensore genovese.

Al 79° bella combinazione Revello-Federici, ma Grezzi manca il goal della bandiera, che arriva due minuti dopo per merito di Federici, che concretizza abilmente un ottimo assist di Grezzi (4-1).

Finisce così, con un Pontelungo felice per il meritato passaggio del turno di Coppa Liguria e col Città di Cogoleto, che ad onta del pesante passivo, ha disputato una buona partita, lanciando in prima squadra tanti giovani…

Ora per gli uomini di Parodi è tempo di concentrarsi sul match col Fegino, quando i punti peseranno, per i genovesi, molto più di oggi…