Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Chiusura A26, gli spedizionieri chiedono che il porto sia aperto h24

Genova. Terminal aperti 24 ore si 24 e traffico alternato sulla A7, diurno misto e notturno solo mezzi pesanti. Sono queste le richieste degli spedizionieri genovesi che, da domani, si troveranno ad affrontare assieme a tutte le altre categorie economiche, la grave situazione di disagio dovuta alla chiusura della A26.

“In settimana era stato programmato un incontro con i nostri consulenti e legali per tirare le somme – spiega il direttore generale degli Spedizionieri, Giampaolo Botta, su facebook – di un primo anno di Morandi in Funzione della Class Action che Spediporto ha avviato con autostrade per il crollo del Morandi. Penso che il lavoro ad oggi fatto dovra essere pesantemente riaperto, purtroppo con ulteriori  ingentissimi danni per centinaia di aziende ed a danno di lavoratori”.

“Si potrebbero fare tante considerazioni – prosegue Botta – se ci fosse il Terzo Valico, se ci fosse un sistema ferroviario sufficientemente capace e capiente, se ci fosse stata più lungimiranza sul valore reale delle infrastrutture e sulla necessità di una loro serie manutenzione. Domani,  speriamo per breve tempo, Genova verrà attraversata da migliaia di camion che non potranno fare altro, per rispettare le consegne, di scendere sulla A7 dopo percorsi alternativi e lunghissimi, con un territorio ancora ferito da franne e da una  circolazione limitata”.

Fronte di questa grave situazione, quindi, gli spedizionieri genovesi avanzano alcune proposte. “Penso sarà indispensabile pensare ad aree di ricovero dei mezzi pesanti in transito, traffico alternato sulla A7, diurno misto e notturno solo mezzi pesanti, da una turnazione H24 dei terminal, con lavoro notturno. In alternativa il Porto chiude e Genova tutta va in cassa integrazione – conclude Botta – senza contare il traffico transfrontaliero da e per la Francia che necessariamente passerà da Genova e dalla Guido Rossa”.