Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Chiusura A26, Bucci: “Trasporto pubblico gratis fino a che ce ne sarà bisogno”. Domani a Genova scuole aperte

Il sindaco chiarisce anche che al momento - con l'allerta arancione per mercoledì - non sono previste chiusure per gli istituti scolastici

Genova. “Abbiamo deciso la gratuità di tutte le linee di trasporto pubblico locale, compresi ascensori, funicolari e navebus, cercheremo di capire fino a quando sarà necessario, probabilmente siamo la prima città d’Italia a prendere una misura del genere”. Il sindaco di Genova Marco Bucci, nella sala della Trasparenza della Regione dopo un confronto in Regione, fa il punto sulle strategie attuate di concerto con le aziende di trasporto, le forze dell’ordine e gli altri enti coinvolti per fare fronte all’emergenza viabilità dopo la decisione di Aspi di chiudere, e poi riaprire con limitazioni, un tratto dell’autostrada A26.

“Amt ha garantito il potenziamento delle linee sulle direttrici centro ponente e su quelle tra la Valpolcevera e il centro – continua il sindaco – la metropolitana avrà una frequenza di 5 minuti nelle ore di punta e di 7 minuti nel resto della giornata, anche l’azienda di trasporti provinciali Atp sarà gratuita per la valle Stura”.

In corso la separazione dei flussi di traffico commerciali e privati su lungomare Canepa e le strade cittadine che servono i varchi portuali. “Valuteremo nelle prossime ore il modo più ottimale per farlo”, aggiunge Bucci. Che conferma, per domani, l’apertura delle scuole in fase di allerta arancione (dalle 8 alle 18 su Genova). “I genovesi devono sapere che le scuole rimarranno aperte, se poi nella notte dovessimo avere avvisaglie di allarme sui corsi d’acqua comunicheremo altre decisioni”.

Infine dal sindaco Marco Bucci un appello alla politica e ai cittadini: “In passato abbiamo chiesto al governo parecchi investimenti sulle infrastrutture, oggi come non mai bisogna tornare su questo argomento – afferma – prima cominciamo e prima avremo un sistema che sia all’altezza di una grande città europea, basta con le polemiche strumentali“.