Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Autostrade, altri due filoni di indagine della procura tra omessi lavori e relazioni falsificate

Disposte ulteriori verifiche per altri 18 viadotti

Genova. Altri due filoni d’indagine sui viadotti controllati da Aspi. L’inchiesta è da una parte per omissione di lavori in costruzioni che minacciano rovina, al momento a carico di ignoti, dall’altra per la falsificazione dei documenti come le relazioni di sicurezza sullo stato dei ponti.

La prima indagine della procura di Genova è collegata alla chiusura parziale della A26 per il “grave stato di deterioramento con pericolo di rovina” rilevato dai consulenti della procura sui ponti Fado e Pecetti, i due viadotti su cui Aspi sta effettuando controlli da lunedì notte. Nel fascicolo, in mano al pubblico ministero Walter Cotugno, potrebbero rientrare ora anche il Bisagno e il Veilino, sulla A12, e il Letimbro, sulla A10.

Il secondo filone di indagine, invece, ipotizza il reato di falso e riguarda l’alterazione dei rapporti su altri quattro viadotti: Scrivia (A7 in prossimità di Busalla), Coppetta (A7 nei pressi di Serra Riccò), Ponticello ad Archi (A10 tra Voltri e Arenzano) e Bormida (A26 tra Ovada e Alessandria).

Verifiche in questo senso verranno fatte anche su tutti gli altri viadotti nel mirino della procura. Non è escluso che a questo punto potrebbero scattare altre limitazioni o chiusure.

Altro aspetto inquietante emerso dalle indagini il fatto che il viadotto Fado, quello chiuso insieme al Pecetti, non fosse mai stato oggetto di una relazione sul rischio dedicata ma solo a controlli di tipo visivo.

In totale sono 28, di cui 20 in Liguria, i ponti al centro degli accertamenti e su cui si sospettano falsi o omissioni. Pecetti, Gargassa, Fado, Vagnina, Biscione Sud, Stura III e Gorsexio sull’A26; Sei Luci, Teiro, Costa, Ponticello ad Archi, Schiantapetto e Letimbro sull’A10, Veilino, Bisagno, Nervi, Sori, Recco (A12); Scrivia e Coppetta (A7); Bormida Nord, Carlo Alberto, Ferrato e Baudassina, ponte Monferrato (A26, tratto piemontese), Paolillo (A16), Moro e Foglia (A14).

E nelle prossime ore si attende la relazione dei tecnici della Procura sul viadotto Sori (A12) dove Spea non effettuava controlli nei cassoni dal 2013.