Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Autostrade, aggiornata la lista dei ponti “malati”. Aperti cantieri per manutenzioni urgenti

Peggiora la valutazione del Bisagno, oggi già "sotto i ferri"

Genova. Autostrade per l’Italia aggiunge e corregge le valutazioni sullo stato di salute di alcuni viadotti del tronco di Genova, e la correzione è in peggio. Su queste infrastrutture già operativi i cantieri per gli interventi più urgenti.

La notizia, anticipata dall’edizione genovese de La Repubblica è stata confermata dalla stessa direzione del Tronco di Genova, che ha diffuso una nota stampa con gli aggiornamenti sullo stato di salute di alcune opere, che comunque – rassicurano – “non sono a rischio per quanto riguarda la tenuta statica”.

Nel nuovo report spuntano ben quattro 70, voti precedentemente non presenti nelle tabelle pubblicate sul sito di Aspi, che, tradotto, impongono lavori e interventi nell’immediato, urgenti. Questi quattro “malati” sono il viadotto Busalla e il Coppetta, sulla A7, Genova – Milano, il passante sul Bormida sulla A26 e il ponticello ad archi sulla A10, Genova – Savona. Per questo sono già partiti i cantieri per gli interventi considerati quindi urgenti.

Ma l’aggiornamento porta a nuove priorità anche per altri viadotti, altri quattro, oggi catalogati con 60, che significa lavori da portare a termine entro 2 anni: il Vegnina, Biscione Sud e il Ponte S.S. del Monferrato sulla A26, il Sottovia Schiantapetto sulla A10. A voto 50 si fermano gli altri tre tra le new entry: il Canale Carlo Alberto, il Rocce Nere e lo Stura 3 sulla A26.

Menzione a parte per il Bisagno, già al centro delle polemiche per le proteste dei cittadini, che da 43 passa a 50, anche se, come riportato anche su queste pagine, il cantiere è già operativo e terminerà in due anni, come previsto in questi casi.

L’aggiornamento contempla anche altri tre viadotti classificati tra 30 e 43: per tutti queste 15 opere sono partiti i lavori per un totale di 8 milioni di euro. “Si tratta ovviamente di una quota del più ampio piano di manutenzione di ponti e viadotti già avviato da ASPI a inizio 2019 e che, nella sua complessità, dovrà essere condiviso tra ASPI e il MIT entro il mese di novembre, così come stabilito dalla Convenzione”, sottolinea Aspi, ricordando che non esistono ponti a rischio caduta.

In questa fase, nella quale Autostrade per l’Italia sta cercando di gestire la delicata questione con rinnovata trasparenza, però tutto è ancora “work in progress”, per cui nelle prossime settimane potrebbero arrivare nuovi aggiornamenti sullo stato di salute dei nostri viadotti.