Quantcast
Invivibile

Affitti in nero, blitz choc a Quezzi: 750 euro per uno scantinato affacciato sul Fereggiano fotogallery

L'assessore Garassino: "Invito i cittadini a segnalare queste situazioni, i furbi avranno vita breve"

Genova. Pagavano 750 euro per stare in cinque in uno scantinato sotto il livello della strada, con le finestre affacciate sull’alveo del Fereggiano, senza nemmeno un regolare contratto d’affitto e in pessime condizioni igienico-sanitarie. È uno dei casi più eclatanti scoperti durante l’ultimo blitz contro gli affitti in nero, stavolta non nel centro storico ma in via Daneo, nel quartiere di Quezzi in bassa Valbisagno.

Durante l’operazione del pool, composto dal nucleo Noa della polizia locale, funzionari dell’agenzia delle entrate e personale di Amiu per accertare l’evasione della Tari, sono stati controllati 25 appartamenti di cui 7 affittati in nero e altri 18 con presunte anomalie che andranno verificate con ulteriori indagini.

Le foto raccontano una situazione di forte degrado. Bagni di dimensioni ridottissime, niente allacciamento al gas ma pericolose bombole tenute in casa, impianti elettrici fuori norma. E poi infiltrazioni, muri scrostati, scarsa illuminazione. Manutenzione pressoché assente, nonostante le cifre a volte molto elevate pagate dagli inquilini.

Secondo i primi accertamenti, nel palazzo ispezionato in via Daneo tutti gli appartamenti sono riconducibili a un solo proprietario. I sub-affittuari, costretti a pagare cifre esorbitanti a fronte di condizioni al limite della vivibilità, sono spesso stranieri.

Tutto è partito dai controlli incrociati, ma anche dalle segnalazioni di alcuni cittadini della zona che avevano notato giri ‘sospetti’ intorno al condominio. Ed è questa la strada che Tursi intende percorrere in parallelo alle azioni del pool specializzato: “Invitiamo a segnalare potenziali situazioni anomale – spiega l’assessore alla sicurezza Stefano Garassino, presente durante l’operazione in via Daneo – poi queste saranno vagliate coi dati a disposizione e se verranno ravvisati particolari alert organizzeremo il blitz”.

Tra le prossime zone nel mirino di Garassino e del pool specializzato c’è Sampierdarena, dove sono già stati segnalati alcuni palazzi. “Bisognerebbe prendere a schiaffi chi affitta in quel modo – attacca l’assessore Garassino -. È uno sfruttamento totale della gente, poi siccome gli inquilini sono in maggior parte stranieri è facile giocare su un prezzo più alto. A chi fa il furbo dico: avrete vita breve. Prima o poi vi beccheremo tutti e sarete perseguiti come meritate”.