Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Vigilanza privata: il 10 ottobre sit-in contro le condizioni contenute nel rinnovo del contratto

Giudicati insufficienti gli avanzamenti sul negoziato

Più informazioni su

Genova. Turni spezzati, riposo giornaliero di 9 ore, premio produzione e valore dei buoni pasto. Sono solo alcune delle norme giudicate dannose dal coordinamento dei delegati della vigilanza privata Filcams Cgil, che in questi giorni stanno discutendo e deliberando in merito alla trattativa per il rinnovo del contratto nazionale di settore e sulle varie questioni presenti sul territorio.

Domani, giovedì 10 ottobre, dalle 11 alle 15, sit-in davanti all’Istituto di Vigilanza Colombo in via Walter Fillak 154, quale avvio delle prossime mobilitazioni.

Per quanto riguarda la trattativa per il rinnovo del contratto, il coordinamento dei delegati giudica insufficienti gli avanzamenti prodotti all’oggi sul negoziato, ricordando la necessità di mantenere regole certe e normative cogenti per il settore, ancora una volta messe in discussione, e soprattutto il recupero della parte salariale per le Guardie particolari giurate (GpG) e per le maestranze dei servizi fiduciari.

Per quanto riguarda il territorio, fa sapere la Filcams, l’impegno di tutto il coordinamento dei delegati è quello di intraprendere in ogni istituto presente nel genovesato, un insieme di accordi aziendali atti a supplire alle carenze fissate da oltre 11 anni sul contratto integrativo provinciale sottoscritto e mai voluto disdire da Fisascat, Uiltucs e Ugl.

La Filcams Cgil sostiene e si attiva per organizzare tutte le iniziative possibili per traguardare una stagione diversa per il settore e soprattutto per chi vi opera.