Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Spacciava la “droga del combattente”, arrestato a Brignole

Nel borsello aveva 206 pastiglie di Tramadol e Tamral, usati per aumentare la resistenza allo sforzo fisico e il calo dei freni inibitori

Genova. Aveva nel borsello 206 pastiglie di Tramadol e Tamral potenti antidolorifici il cui principio attivo, un oppioide sintetico, è noto come droga del combattente. Assumere questo tipo di compresse provoca diversi effetti: aumento della capacità di resistenza allo sforzo fisico, eccitazione, agitazione, calo dei freni inibitori e assenza di percezione del pericolo.

Per questo un nigeriano di 30 anni è stato arrestato ieri per il reato di detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio dai poliziotti del commissariato San Fruttuoso.

L’uomo si era innervosito non appena aveva visto le divise dei poliziotti del commissariato San Fruttuoso, che stavano camminando alle 17 in via Thaon di Revel, a Brignole, per un servizio di controllo del territorio.

Immediatamente fermato e controllato, l’uomo nell’estrarre i documenti dal borsello ha fatto intravedere numerosi blister di compresse mediche. L’uomo, trasferito nel carcere di Marassi, è stato inoltre denunciato per porto abusivo di oggetti atti ad offendere poiché nascondeva una lametta da barba e una punta di plastica.