Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Sampdoria, peggior avvio dal 1946 ad oggi… serve una scossa risultati

Ci vuole una botta di entusiasmo, che scateni in tutti quel fuoco interiore che possa permettere di raggiungere l'obiettivo desiderato...l'antibiotico giusto può essere solo Gianluca Vialli

Più informazioni su

Genova. Passano pochi minuti, dal fischio di inizio match ed un innocuo passaggio di Audero a Bereszynski sfila sotto il piede del polacco e finisce in fallo laterale…

Capita… ma è l’antipasto di una sequela di errori di deconcentrazione, da parte di tutti, cui è difficile trovare giustificazioni tecniche o ancor più tattiche…

Brutto mestiere, quello del mister, quando non riesci a trainare il gruppo ed a inculcare l’idea “siamo i più forti”. Cominci a perdere una partita, poi la seconda, poi la terza… le pressioni esterne ed interne ti inducono a cambiare modulo, abiurando il tuo credo, indotto anche dal fatto che ti rendi conto che la società non ti ha dato gli uomini giusti per fare il tuo calcio…

Toh, vinci una partita e sei costretto a perseverare… ma era un fuoco di paglia… 4-3-3, 3-5-2, 5-3-2… poco cambia, se gli interpreti non sono quelli giusti e soprattutto non buttano il cuore “fuori dalla trincea”. Ti ritrovi, imbufalito, a sbracciare a bordo campo,  ad urlare ad una truppa che pensa “tanto il nemico è più forte e perderemo anche oggi”… Hanno le braccia cadenti e le gambe molli... E’ la testa a comandare... il calcio è un gioco e se non hai voglia di giocare, poco importa del contorno… Senza entusiasmo non vai da nessuna parte, sulla palla arrivano sempre prima gli altri, mentre ti chiedi che ci stai a fare in campo e la tua mente vaga altrove…

Peggior avvio di stagione, da sempre, dal 1946 ad oggi... eppure ci sono stati anni di austerity anche in passato… ma i Cristin e gli Arnuzzo bagnavano di sudore la maglia… a Verona non si è avuta questa sensazione.

Un’offesa per quei tanti tifosi che hanno invaso il  Bentegodi e nonostante tutto hanno sventolato in alto il blucerchiato.

Come venirne fuori? Il mister è tra i migliori della piazza, non credo sia lui il problema… anche se un Sinisa Mihajlovic capace di prendere qualcuno per il colletto della maglia, forse  verrebbe a fagiolo. Forse anche un trascinatore come Rino Gattuso… ma potrebbero essere “pannicelli caldi”, semplici lenitivi alla grave malattia che attanaglia oggi la Sampdoria.

Ci vuole una botta di entusiasmo, che scateni in tutti quel fuoco interiore che possa permettere di raggiungere l’obiettivo desiderato… l’antibiotico giusto può essere solo Gianluca Vialli.