Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Riaprire il presidio medico alle riparazioni navali, commissione regionale vota all’unanimità

Più informazioni su

Genova. Una risoluzione per sollecitare l’immediata riapertura del presidio medico presso le Riparazioni Navali di Genova. Il documento è stato approvato ieri all’unanimità nella seduta della V Commissione-Controlli su proposta del presidente Sergio Rossetti.

La risoluzione impegna la giunta ad attivarsi affinché l’autorizzazione alla riapertura del presidio sia rilasciata nei tempi più brevi e a chiedere all’Autorità del Sistema portuale del Mar Ligure Occidentale di attivare immediatamente un presidio mobile con la presenza di un’ambulanza in attesa dell’apertura del servizio, che era stato chiuso il 31 agosto 2017.

«Ho ritenuto necessario assumere questa iniziativa – spiega Rossetti – per gli altissimi rischi legati alle attività che vengono svolte all’interno delle Riparazioni Navali. Mentre la piaga degli incidenti sul lavoro continua drammaticamente ad allargarsi, sia in Liguria che nel resto del Paese, è importante dare un contributo tangibile affinché siano assunte tutte le iniziative possibili per garantire interventi tempestivi in caso di infortuni, soprattutto là dove questi rischi sono maggiori».

Nel’audizione, che si è svolta ieri nella V Commissione, i rappresentanti del all’Autorità del Sistema portuale del mar Ligure Occidentale hanno comunicato che è imminente la conclusione dell’iter per assegnare il servizio in questione. Di qui l’approvazione unanime del documento che sollecita questo adempimento.

Il presidente ricorda che il collega Gianni Pastorino, in Consiglio regionale, aveva sollecitato nel marzo scorso l’assessore competente ad attivarsi per il ripristino del servizio ma che da allora non era cambiato nulla: «Sono convinto – conclude Rossetti – che l’intervento della Commissione, che si è pronunciata in modo compatto, sarà risolutiva per chiudere felicemente questa vicenda».