Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Poker con il Chievo, il Genoa primavera vola in terza piazza

Partenza davvero brillante per il Genoa di Chiappino. Prossima sfida con l'Inter capolista, già decisiva per il lungo campionato

Genova. Un poker che fa sognare. Il Genoa primavera vince in trasferta contro i pari età del Chievo e sale ancora in classifica, portandosi al terzo posto a sole due lunghezze dalla vetta. É una solidità di squadra che fa invidia anche alla prima squadra.

Il team di Chiappino, con i nuovi innesti, sembra aver per ora superato i problemi della scorsa stagione, diventando una delle forze del campionato di Primavera 1. Il mister rossoblù ha schierato Drago, Piccardo (69′ Gasco), Raggio, Da Cunha, Tiago Gonçalves; Rovella (69′ Zennaro), Masini, Eboa Ebongue (Besaggio 90′); Kallon, Moro (61′ Cleonise), Bianchi (69′ Klimavicius).

Il primo tempo è stato un soliloquio rossoblù, o quasi. Genoa in vantaggio al 3‘, con un pallonetto di Vasco, a metà tra tiro e lancio, che trova Moro solitario pronto a insaccare. Se il Chievo manca l’immediato pareggio con Demirovic, poco dopo Bianchi si guadagna un rigore per i rossoblù, ma dal dischetto centra il palo. Potrebbe sembrare in salita, ma i ragazzi di Chiappino restano solidi.

É il 24′ quando il Genoa torna pericoloso dalle parti di Caprile, portiere del Chievo. Masini lancia e imbecca Kallon, che salta il portiere e insacca il raddoppio. Sul finire del tempo prima Kallon manca la terza rete mandando il pallone sull’esterno della rete, poi Masinicalcia al volo sopra la traversa da ottima posizione; infine Rovaglia, del Chievo, conclude in rete un ottimo contropiede rossoblù, portando il bilancio provvisorio sul 1-2.

Il dominio rossoblù si conferma nel secondo tempo. Bastano tre minuti e un sempre strepitoso Kallon lancia dopo un dribling perfetto Bianchi, che insacca rasoterra il terzo gol del Genoa. Il tre a uno è decisamente meritato.

Il secondo tempo scivola così con più tranquillità, comunque nelle mani dei rossoblù. Drago salva su un bel tiro di Moro, giunge qualche cartellino giallo per un paio di interventi duri, Raggio segna ma vede annullarsi il gol per una spinta nella ressa da calcio d’angolo. A un quarto d’ora dal termine due occasioni nitidissime per gli ospiti: prima è Goncalves a servire Klimavicius, che trova però Caprile, poi è lo stesso portiere del Chievo a compiere un vero miracolo su un tiro di Kallon.

Il poker è rinviato e giunge a inizio recupero. Cleonise dribla sulla sinistra e mette in mezzo per Klimavicius, che di sinistro non tradisce le aspettative dei compagni. É il gol del definitivo uno a quattro per il Genoa. Da lì in avanti più niente da raccontare.

I Grifoncini di Chiappino hanno ottimi artigli e un bel carattere. Tre vittorie e un pareggio in avvio di stagione sono un ritmo insperato, data la retrocessione dello scorso anno e il ripescaggio. Ora la sfida davvero difficile: il 19 ottobre il Genoa affronterà l’Inter capolista. Il match vale già un pezzo di stagione.