Nasce anche in Regione il gruppo di Cambiamo. Ma il presidente Toti non ne farà parte - Genova 24
Spostamenti

Nasce anche in Regione il gruppo di Cambiamo. Ma il presidente Toti non ne farà parte

Entro fine novembre la costituzione ufficiale con Vaccarezza e Scajola, Lilli Lauro resta fuori

Generica

Genova. Si costituirà anche in Regione il gruppo consiliare di ‘Cambiamo!’, il nuovo partito fondato da Giovanni Toti dopo l’addio a Forza Italia. Un parto molto travagliato dalle parti di via Fieschi, in sensibile ritardo rispetto a Tursi dove gli arancioni sono già una formazione ufficiale da qualche settimana. La nascita vera e propria dovrebbe avvenire entro fine novembre e, paradossalmente, il governatore ligure non ne farà parte.

Nessun documento ufficiale è ancora arrivato all’ufficio di presidenza, ma il 5 novembre si incontreranno i costituenti del nuovo gruppo, che saranno solo due: Angelo Vaccarezza, attualmente capogruppo di Forza Italia in rottura netta col partito di Berlusconi, e l’assessore Marco Scajola, nipote di Claudio ex ministro e sindaco di Imperia, fedelissimo totiano fin dall’inizio dell’avventura in Regione, anche lui in uscita da Fi.

Come detto, Giovanni Toti non farà parte del gruppo Cambiamo. Rimarrà infatti in piedi il gruppo “Giovanni Toti Liguria’ che, oltre al presidente, includerà la ‘duplice’ consigliera Lilli Lauro, la quale ha invece aderito agli arancioni di Tursi in compagnia di Mario Baroni e Stefano Anzalone. Tra le ragioni della scelta, si vocifera negli ambienti regionali, la volontà di non licenziare lo staff stipendiato che segue ogni formazione politica.

Forza Italia, insomma, si divide in tre: nel gruppo originario rimarrà solo Claudio Muzio, gli altri si divideranno equamente tra Cambiamo e il listino di Toti. Una situazione sempre più ingarbugliata. Arriva in queste ore la nascita ufficiale di ‘Italia Viva’ in Regione con gli ex Pd Juri Michelucci e Valter Ferrando, mentre nel gruppo misto c’è solo Giovanni Boitano (anche lui fuoriuscito dem) visto che Giovanni De Paoli, dopo l’annuncio dell’addio alla Lega, non ha ancora abbandonato il Carroccio in modo formale.