Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

L’Imperia spodesta il Sestri Levante. Busalla corsaro a Molassana risultati

Cambio al vertice con i nerazzurri che provano a scappare. Risalgono la classifica Genova Calcio e Busalla. Rinviate due gare

Nell’ennesima domenica contraddistinta dai timori per l’allerta meteo, si può dire che l’Eccellenza ligure sia stata fortunata con solamente due gare rinviate. Si tratta di Ospedaletti – Albenga e Finale – Pietra Ligure, che si ritroveranno in settimana salvo nuove disposizioni.

Non passa in secondo piano il ko del Sestri Levante che cade nello scontro diretto al vertice con l’Imperia in una gara che fatica a decollare nel primo tempo. L’occasione migliore è dei sestrini al 43° con un colpo di testa di Del Nero che si stampa sulla traversa. Nel secondo tempo esce la squadra di casa che all’ora di gioco passa in vantaggio con Capra che ribadisce in rete una corta respinta della difesa rossoblù. Gli ospiti non trovano la reazione ed anzi rischiano su alcune manovre avvolgenti degli imperiesi. Nel finale tramontano le speranze corsare quando Bergamino rimedia il secondo giallo e lascia il campo. Poco dopo Capra firma la doppietta e il 2-0 definitivo.

Sogni di gloria per il Busalla che vince in trasferta con il Molassana e resta nelle zone alte di classifica. Biancoblù che trovano il gol al 20° con Minutoli nel più classico dei gol degli ex. Al 38° la risposta dei rossoazzurri la dà De Persiis che viene lanciato in profondità e supera in uno contro uno Carlucci. Si va alla ripresa, la gara è in bilico e a portarla in favore degli ospiti è Boggiano che lascia partire una conclusione potente dal limite e spacca la gara. Da qui il Molassana si sbilancia, ma non trova il pareggio e ancora Boggiano al 70° ha il tempo di controllare, prendere la mira e infilarla a giro. 

Pareggio scoppiettante a Rapallo, fra la Rivarolese e l’Alassio che confermano di avere squadre simili per valori. Al 13° i bianconeri vanno avanti con un colpo di testa di Kambo, ma ancora una volta Roda si dimostra decisivo per i gialloneri pareggiando i conti alla mezzora. La partita prosegue sui binari dell’equilibrio con il Rapallo che al 47°, però torna avanti dopo un periodo di alta pressione. Al 47° infatti Bertuccelli in contropiede infila Pastorino fra le proteste dei ponentini che reclamavano un fallo. Si arriva con sì al 58° quando Barison replica il 2-2, ma la gara non ha finito di regalare emozioni. Al 70° terzo vantaggio ruentino con Carbone che dopo la traversa del primo tempo, stavolta non sbaglia e di testa fa 3-2. Sembra una gara destinata a favorire i padroni di casa, ma ancora una volta l’Alassio risorge e un tiro teso di Taku beffa Basso e si infila in porta per io definitivo 3-3.

Vittoria importante per il Baiardo con il Rivasamba. I neroverdi passano 3-0 in trasferta e agganciano proprio gli arancioneri a quota 9 punti. Al 38° Battaglia sblocca la gara con un tiro angolato che Raffo non trattiene. Nel secondo tempo ci pensa Oliviero a chiuderla. Al 60° con una punizione che lambisce il palo ed entra. Quindici minuti dopo scorrono i titoli di coda sulla partita quando in contropiede arriva anche il terzo gol ancora di Oliviero per il tris neroverde.

Terminano 1-1 Cairese – Genova Calcio e Campomorone Sant’Olcese – Athletic Liberi. Partita combattuta quella di Cairo con i gialloblù che trovano il gol già al 15° con bomber Saviozzi, pescato in verticale. Bel controllo e splendida conclusione sotto l’incrocio. Dopo un’immediata reazione dei biancorossi sono i locali a dominare il primo tempo ed a sfiorare ripetutamente il raddoppio. La cosa non si verifica e come spesso accade sono errori che si pagano. Al 62° infatti in un momento di stanca dei valligiani arriva il pareggio genovese. Camoirano mette in mezzo, Ilardo è letale di testa ed è 1-1. 

Nell’altra sfida conclusa con una rete per parte il Campomorone va avanti con una spettacolare azione di Gualtieri si beve due avversari e calcia, non benissimo, ma forse è la fortuna del suo tiro perché la palla colpisce il palo ed entra. Al 70° l’Athletic resta in dieci per il rosso diretto a Di Pietro, ma paradossalmente tre minuti dopo pareggia. Del Vecchio penetra in area, ma viene steso da Galluccio. Dal dischetto va lo stesso numero 9 che è freddo e trasforma.