Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Lavoratori Amiu e centro sociale Terra di nessuno: domani doppio presidio sotto Tursi

Il Tdn spiega in un post perché il Lagaccio è il posto sbagliato per l'isola ecologica, che pure serve

Genova. Doppio presidio domani pomeriggio sotto palazzo Tursi. Da un lato infatti i lavoratori di Amiu hanno indetto un’assemblea sindacale che consente quindi di partecipare al presidio anche a chi è in turno di lavoro per protestare contro le politiche dell’azienda in concomitanza con l’incontro che i sindacati terranno con il sindaco di Genova Marco Bucci. L’appuntamento è a partire dalle 16.30.

Accanto, nella stessa piazza si terrà un presidio organizzato dal centro sociale Terra di Nessuno contro la realizzazione di un’isola ecologica al Lagaccio, proprio sugli spazi che il centro utilizza da circa 20 anni.

In un lungo post su fb le ragioni per cui il Tdn chiede che l’isola ecologica non venga realizzata lì: “L’isola ecologica serve.. ma non in uno dei quartieri più sovrappopolati d’Europa. L’isola ecologica serve.. ma non adiacente a degli impianti sportivi, non al centro della “Valletta dello Sport”. L’isola ecologica serve.. ma non sul confine del parco urbano del Peralto.

L’isola ecologica serve.. ma non annessa ad un parco giochi, a prescindere dalle “abilità” dei bambini che lo potrebbero frequentare. L’isola ecologica serve.. ma non in un quartiere la cui viabilità è già fortemente compromessa.

L’isola ecologica serve.. se garantisce diritto ad un lavoro senza essere sfruttati o avvelenati. L’isola ecologica serve.. ma non in un’area alluvionale dove emergono i condotti di sfiato del rio Lagaccio.

L’isola ecologica serve.. anche se sede amiu e fabbrica del riciclo insieme nella stessa area non ci staranno mai. L’isola ecologica serve.. se migliora la qualità della vita della zona in cui è insediata. L’isola ecologica serve.. ma gli spazi sociali autogestiti, di pensiero critico al di fuori delle logiche del profitto, come il Terra di Nessuno… loro servono di più”.