Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Infanzia, domenica a Genova la festa nazionale dei bambini

L’iniziativa si propone di aiutare i ragazzi a capire qual è la realtà che li attende attraverso laboratori ludici ed educativi, dalla cultura al mondo del lavoro, alla legalità e alle istituzioni

Genova. Dalla creazione di golosità come zucchero filato, panera, cioccolato alla possibilità di interagire e capire come dallo studio del cervello umano si arriva all’Intelligenza artificiale e al suo utilizzo nei robot, ma anche curiosare nel Centro Mobile Informativo della Marina con maxi schermi e realtà virtuali, conoscere meglio le unità cinofile di Polizia e Carabinieri e, ancora leggere ed imparare ad “ascoltare” un libro o magari vedere all’opera i volontari della Croce Rossa Italiana e i Vigili del Fuoco.

Festa dei bambini

Sono queste alcune delle attività che si potranno trovare domenica 20 ottobre, dalle ore 10 alle 19, si terrà  l’undicesima edizione della Festa Nazionale dei Bambini. La location scelta è stata quella di piazza della Vittoria sulla quale il Comune punta molto per la rivalorizzazione. “Come Comune abbiamo lavorato per accogliere al meglio tutte le famiglie che vorranno partecipare – spiega l’assessore Paola Bordilli – consentendo a tutti di vivere una giornata fantastica. Sono orgogliosa di ospitare questo appuntamento che dedica spazio ai giovani e alla loro formazione dando loro spunti di crescita e conoscenza e di farlo in  una piazza come Piazza della Vittoria che dobbiamo utilizzare sempre più per iniziative cittadine.

L’iniziativa si propone di aiutare i ragazzi a capire qual è la realtà che li attende, spiegano gli organizzatori, attraverso una serie di laboratori ludici ed educativi che spaziano dalla cultura al mondo del lavoro, alla legalità e alle istituzioni. “Il nostro obiettivo è quello di ripristinare la dignità dei bambini – spiega l’ideatore, Sergio Cingolani – che è stata persa perché gli input che hanno avuto in questi decenni non hanno creato bimbi felici. Con i nostri laboratori i bambini potranno interagire con le professioni dei loro sogni”.