Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Il Ligorna si aggiudica un recupero spettacolare risultati

Sette reti e tanto divertimento nonostante una pioggia battente. Lavagnese che recupera, ma viene beffata nel finale e ora la classifica preoccupa

Mercoledì di derby quello che vede in campo Ligorna e Lavagnese al “Macera” di Rapallo. Le due squadre recuperano la quarta giornata rinviata per l’allerta meteo. È destino che l’atmosfera sia quanto meno “umida”, però quando giocano le due squadre della provincia genovese perché su Rapallo cade una leggera pioggia che rende più insidiosi i tiri sul terreno sintetico.

Ne nasce una gara bellissima che inizia con le squadre guardinghe, ma quando si sblocca fa divertire i tifosi presenti. 

Al 24° il gol è del “solito” Chiarabini pescato al centro dell’area da un compagno dopo la rimessa laterale dei biancoblù. Il numero dieci controlla e calcia col mancino, Nassano devia, ma non può nulla sull’1-0 dei locali. Il pareggio dei levantini è quanto mai rocambolesco con il Ligorna che nel tentativo di liberare crea scompiglio nella sua stessa area. È il 39° Zunino evita il gol calciando di potenza, ma lo fa sulla schiena di Ferrante, la palla si impenna e diventa un assist perfetto per Perasso che praticamente sulla linea deposita di testa il gol dell’1-1.

La reazione del Ligorna è, però immediata ed è lo stesso Zunino che al 42° imbecca Gulli sul secondo palo: stacco imperioso del numero 4 che incoccia prendendo in controtempo Nassano.

La pioggia aumenta nell’intervallo e sembra galvanizzare il Ligorna che rientra deciso a chiuderla e al 48° Corsini va via solo fino al vertice destro dell’area lavagnese cross perfetto per Chiarabini che di testa in corsa la mette sotto l’incrocio. Azione spettacolare e genovesi sul 3-1.

Sembra chiusa, invece i ragazzi di Nucera reagiscono e lo fanno con una giocata meravigliosa con un cambio fascia, palla a Bonaventura che controlla e crossa per Righetti che si unisce al gruppo di marcatori di testa. Palla nell’angolino lontano e bianconeri di nuovo in gara, ma la difesa ligornese h più di una responsabilità.

Al 60° Perasso recupera palla nell’area avversaria, salta netto un difensore che lo tocca. Per l’arbitro è rigore, inutili le proteste dei locali. Dal dischetto capitan Avellino che è glaciale ed è un 3-3 pazzesco. Ma non è finita, perché sarà il Ligorna a dire l’ultima parola ed è ancora di testa con Capotos che a 10’ dalla fine su calcio d’angolo svetta e gira secco in porta. È un 4-3 clamoroso. Nel finale il Ligorna potrebbe allungare ancora perché Mancini si guadagna un rigore, ma Nassano è perfetto e quanto meno si toglie la soddisfazione di parare il tiro del numero 14 locale.

Finisce 4-3 con il Ligorna che guadagna terreno in chiave salvezza, mentre per la Lavagnese, è ancora crisi e penultimo posto.

Il Tabellino:

Ligorna: Bulgarelli; Danovaro, Capotos, Gulli, Ferrante, Gnecchi, Zunino, Castorani, Vallerga, Chiarabini, Corsini.

A disposizione di Monteforte: Ventura; Ballero, Mancini, Gilardi, Moretti, Bennati, Gallotti, Kacorri, Glarey.

Lavagnese: Nassano; Casagrande, Oneto L., Avellino, Basso, Queirolo, Perasso, Romanengo, Righetti, Alluci, Oneto E.

A disposizione di Nucera: Migliorati; Bacigalupo, D’Orsi, Bagnato, Di Vittorio, Biancato, Di Pietro, Bonaventura, Bellucci.

Arbitro: Silvio Torreggiani di Civitavecchia. Assistenti Nicola Morra di Molfetta e Marco Campanella di Agrigento.

Marcatori: 25° Chiarabini (Lig); 40° Perasso (Lav); 42° Gulli (Lig); 48° Chiarabini (Lig); 52° Righetti (Lav); 72° Avellino rig. (Lav); 81° Capotos.

Note: ammoniti Danovaro, Capotos, Castorani per il Ligorna; Casagrande, Oneto E., Basso per la Lavagnese. Al 92° Mancini (Lig.) sbaglia un calcio di rigore.