Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Fusione Amt-Atp, Bucci: “Senza dignità chi dopo aver messo i privati in Atp mi accusa di aver fallito”

Su Autoguidovie: "Li abbiamo messi a nudo, ora andremo fino in fondo"

Più informazioni su

Genova. “Se il primo assalto alla torre è andato male, faremo il secondo, il terzo e il quarto fino a quando non la espugneremo”. Cita Embriaco e non si perde certo d’animo il sindaco di Genova Marco Bucci dopo che Autoguidovie, il partner privato che sta dentro Atp esercizio dal 2016, ha detto no alla fusione dell’azienda di trasporto metropolitano con Amt.

All’azienda unica di trasporto pubblico intende arrivarci anche perché ha tutti dalla sua parte, compresi i sindacati, e se non ci arriverà con il dialogo utilizzerà le vie legali contro Autoguidovie a cominciare dal parere dell’Anac che aveva mosso rilievi alla vendita di quote di Atp ai privati senza gara.

“Almeno così li abbiamo messi a nudo – aggiunge Bucci – e ora andremo fino in fondo”. Il sindaco si arrabbia con chi dice che la sua politica: “A me quelli che mi vengono a dire che abbiamo fallito quando sono loro che ce hanno messo dentro i privati mi sembra abbiano perso la dignità”
Non fa nomi il sindaco ma è più che evidente il riferimento al Pd che a fine mattina in una nota firmata dai consiglieri comunali aveva detto che “nel fallimento della fusione Atp Amt risiede il fallimento della politica del sindaco”

Il futuro del trasporto pubblico dopo il no alla fusione preoccupa il sindacato Usb che chiede la convocazione urgente di un incontro “per chiarire quali azioni intende adottare per affrontare quella che è ora la prima assoluta priorità, ovvero evitare che il servizio effettuato da Atp vada a gara con conseguenze nefaste per i lavoratori”.