Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Forum Ambrosetti, Liguria in chiaro-scuro: bene innovazione e ricerca, ancora negativi settore cultura e rischio alluvioni

Peggiorano l’intensità lavorativa, la dispersione idrica

Più informazioni su

Genova. “Il cruscotto messo a punto da Ambrosetti vede un 70% di elementi in crescita, che sono confermati anche dai dati del porto e da quelli del fabbisogno occupazionale delle Camere di Commercio”.

Il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, è ottimista sul percorso di crescita e sviluppo economico della regione, rinfrancato dai dati che arrivano da uno dei più importanti “think thank” italiani che, da tre anni collabora con l’ente nel progetto “Liguria 2022. Scenari strategici e azioni per l’eccellenza della Regione Liguria e la sua competitività”.

Si tratta di una piattaforma di confronto tra pubblico e privato per promuovere il modello di sviluppo e l’attrattivitá della Regione attraverso progettualità concrete e una strategia di medio-lungo periodo condivisa. Un lavoro iniziato nel 2016 che ha visto questo pomeriggio, a Palazzo del Principe, la riunione di lancio della quarta edizione. Un occasione per fare il punto sul lavoro svolto e sugli obiettivi raggiunti.

I risultati migliori arrivano dai temi di innovazione e ricerca ma ci sono buone performance anche per trasporti e infrastrutture e turismo e cultura, restano invece sotto alla media nazionale le esportazioni per abitante, il numero di startup innovative e gli occupati nella cultura mentre peggiorano l’intensità lavorativa, la dispersione idrica e il rischio di alluvioni.

La riunione genovese, alla quale hanno partecipato i rappresentanti del mondo economico e delle istituzioni, apre, quindi, il percorso 2019/2020, che prevede , tra l’altro, un roadshow per coinvolgere il resto della Liguria, con tavoli a Savona, Imperia, La Spezia e Genova. Tra i nuovi obiettivi individuati anche un focus specifico sulla valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico, sulle buone pratiche per il recupero, con alcune proposte per il riorientamento degli edifici in strutture ad uso turistico, commerciale o industriale.