Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Esclusa immunità penale per Mittal, a Genova cresce la preoccupazione. Fiom e Fim: “Se si tocca occupazione reagiremo”

Più informazioni su

Genova. Cresce anche a Genova la preoccupazione dopo l’esclusione dal Dl imprese dalla norma sull’immunità penale per Arcelor Mittal. “La cancellazione della tutela penale è un atto di rottura dell’accordo tra il Governo e la Mittal – commenta il segretario genovese della Fiom Bruno Manganaro – e mesi fa l’azienda aveva annunciato che di fronte a questo avrebbe reagito fermando lo stabilimento di Taranto. Ora non sappiamo cosa deciderà di fare Mittal, ma l’unica cosa certa è che a Genova nessuno può mettere in discussione non solo l’accordo sindacale di un anno fa ma nemmeno l’accordo di programma che significa per noi mille lavoratori in Mittal e 280 fuori con lo stesso reddito.

Per la Fiom “se qualcuno pensa di mettere in discussione questi due accordi sappia che reagiremo di conseguenza”. Non si può pensare di stravolgere un accordo come quello fatto tra Governo e Mittal – aggiunge il segretario della Fim Cisl Liguria Alessandro Vella – anche perché non bisogna dare alibi all’azienda di ritirarsi: questo può sarebbe un problema enorme per l’ambientalizzazione di Taranto e un problema altrettanto grande per l’occupazione”.

Per Vella “questo decreto mette a rischio il futuro della siderurgia e certamente non lo permetteremo”.