Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

“Come fosse un’allerta rossa”, la valle Stura si prepara ad una nuova notte da incubo fotogallery

Katia Piccardo: "Serve stato di emergenza, subito. La politica deve sbrigarsi"

Genova. Nessuno dormirà la prossima notte in Valle Stura. Questa è l’unica certezza che si ha a poche ore dall’inizio di una nuova allerta prevista su tutto il territorio regionale, a partire dalla prossima mezzanotte.

“Per noi è come fosse un’allerta rossa – spiega Gianni Oliveri, sindaco di Campo Ligure, il comune della valle stura devastato, insieme a Rossiglione, dalle piogge di due giorni fa – e infatti abbiamo fatto partire tutte le misure che sono previste per questo livello di allarme”.

Oltre a chiudere tutti gli edifici pubblici, è stato infatti approntato un centro per accogliere eventualmente 60 persone: “Stiamo girando tutto il territorio per monitorare i punti più critici e valutare il da farsi, siamo pronti a far evacuare decine di persone”. Nel comune di Campo Ligure sono sei le frane e gli smottamenti che incombono su abitazioni e condomini vari. Li sarà rivolta l’attenzione principale.

“Abbiamo assoluto bisogno che la politica faccia la sua parte, e lo faccia in fretta, dichiarando per la Valle Stura lo stato di emergenza – chiede, ancora una volta, Katia Piccardo, sindaco di Rossiglione – e deve essere fatto il prima possibile”.

Anche per il suo comune, infatti, questa notte sarà da incubo: “Siamo fortemente preoccupati – spiega – per noi anche una allerta gialla sarebbe stata come una rossa, visto la totale criticità del territorio”. Molti i punti critici che saranno monitorati nella notte, incrociando le dita: “Abbiamo un sacco di materiale che intasa le briglie del torrente Berlino che ci spaventa, almeno 18 frane e smottamenti che sappiamo essere attivi, e poi – aggiunge – la strada danneggiata con i tubi dell’acquedotto a vista. Siamo a rischio isolamento anche idrico“.

L’allerta arancione inizierà allo scoccare della mezzanotte, ed è prevista fino alle 18 di domani: questa sarà la notte più lunga per la Valle Stura.