Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Allerta meteo, ecco perché il Ponente di Genova è la zona che rischia di più previsioni

Genova. Gli occhi sono puntati ancora sul Ponente. Sestri, Pegli, Prà e soprattutto Voltri e Vesima. È lì che si temono gli effetti peggiori della grave fase di maltempo attesa nel weekend sulla Liguria. E questo non perché i modelli meteo siano in grado di dire esattamente dove pioverà più copiosamente. Basterà infatti un acquazzone di moderata intensità per mandare in tilt il delicato equilibrio idrogeologico.

Generica

“Sarà una perturbazione diversa da quella di martedì – spiega Federico Grasso di Arpal – In questo caso ci aspettiamo piogge diffuse su tutto il territorio regionale, ma al momento sembrano di minore intensità rispetto a quelle che abbiamo avuto. In quel caso il problema era stata la stazionarietà di fenomeni molto intensi con una cumulata complessiva che ha superato i 450 millimetri in circa 10 ore”.

Ma allora perché si parla con insistenza di possibile allerta rossa? Il problema è la saturazione dei terreni, che non riescono più ad assorbire acqua. Ne avevamo parlato ore fa in questo approfondimento. “Sicuramente chi rischia di più sono le zone già interessate da abbondanti precipitazioni, quindi sicuramente l’area compresa tra Varazze e la Valpolcevera. Tutta l’acqua che dovesse cadere in questa zona sarà immediatamente disponibile in superficie”, spiega Grasso.

Gli effetti si sono visti bene stamattina (venerdì), quando un isolato rovescio nella zona ha provocato in pochi minuti allagamenti e problemi alla viabilità. Sotto osservazione torrenti come il Cerusa e il Leira, che sono già sopra il normale livello idrometrico, ma anche il Varenna che martedì ha risposto più lentamente. Tutto il relativo entroterra al di qua e al di là del Turchino è già puntellato di frane e smottamenti.

“Siamo preoccupati – ammette il presidente del municipio Ponente, Claudio Chiarotti – anche perché le situazioni da monitorare sono tante e nel weekend abbiamo meno personale disponibile, dobbiamo affidarci ai soli reperibili. Il nostro è un territorio fragile e provato”. Con l’allerta arancione o rossa scattano in automatico la chiusura della galleria Pizzo sull’Aurelia tra Vesima e Arenzano, ma anche l’evacuazione di due famiglie in località Fondocrosa, ai confini col comune di Mele, dove un piccolo affluente mette a rischio un’abitazione.