Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Scooter sharing elettrico, MiMoto sbarca anche a Genova

Non è necessario parcheggiare vicino a una colonnina, ma nell'area coperta dal servizio

Genova. È un servizio già attivo a Milano e Torino. Si chiama MiMoto ed è il primo scooter sharing elettrico italiano. Arriva anche a Genova, città in cui le due ruote sono particolarmente apprezzate per muoversi, grazie  alla partnership strategica con IrenGo, la nuova linea di
business del Gruppo Iren dedicata alla e-mobility.

mimoto

A poco meno di due anni dal lancio a Milano e a un anno esatto da quello di Torino, MiMoto ha già migliorato la vita dei cittadini, coinvolgendo oltre 70 mila utenti, soprattutto giovani smartworker (circa l’80% degli eRiders MiMoto sono under 44) con un’ampia componente femminile (circa il 25% degli iscritti al servizio). Gli eScooter MiMoto dalla livrea gialla hanno già percorso circa 2 milioni di km, risparmiando oltre 350 mila kg di emissioni di CO2 in atmosfera.

A Genova, MiMoto e IrenGo si prefiggono come scopo comune quello di rendere la città più vivibile e smart, facilitando gli spostamenti urbani con particolare attenzione all’ambiente e con una user-experience semplice e alla portata di tutti. Con una flotta di 100 eScooter nei primi mesi dal lancio, il servizio garantisce infatti un’offerta: ecosostenibile al 100%, con mezzi alimentati da energia green e made in Italy,
proveniente dalle centrali elettriche del gruppo Iren; Easy-to-use, grazie ad un mezzo di soli 80 kg, leggero, facile da guidare e progettato
per la mobilità urban economica con tariffe automatiche per tutte le tasche.

Ogni scooter MiMoto è omologato per due passeggeri e ha in dotazione due caschi dotati di profumatori igienizzanti nel bauletto al cui interno sono disponibili anche delle cuffiette igieniche usa e getta. Inoltre, il servizio è free floating, ovvero senza vincoli di parcheggio o di stazioni di ricarica e senza chiavi: localizzato l’eScooter più vicino tramite App, disponibile per iOS e Android, si prenota, si parte e una volta terminato il noleggio si lascia il mezzo in qualunque punto consentito dal codice della strada all’interno dell’area coperta dal servizio, che comprende
tutto il centro della città di Genova, includendo i principali punti d’interesse del capoluogo quali ad esempio Albaro, San Vincenzo, Foce, Boccadasse eccetera. Come in tutte le città in cui è attivo il servizio, l’area operativa iniziale è un “work in progress” e sarà adattata e modificata alle esigenze dei cittadini. Tuttavia, tale perimetro non deve essere inteso come un limite insuperabile, ma solo un confine entro cui rilasciare il noleggio.

L’esperienza milanese e torinese del servizio MiMoto dimostra il maggior utilizzo dello scooter sharing nelle ore di punta per raggiungere il luogo di lavoro, così come nel weekend, nella fascia oraria pomeridiana, segno che MiMoto unisce i vantaggi di un servizio di sharing
alla possibilità di svago e divertimento offerto da un mezzo leggero, maneggevole e spassoso da guidare.
I tre foundatori sono under 35: Alessandro Vincenti, Gianluca Iorio e Vittorio Muratore, tre imprenditori che, sostenuti da un club deal di investitori privati, hanno scommesso su un servizio che potesse portare un valore aggiunto non solo alla mobilità cittadina, ma anche alla vita delle persone e all’ambiente in cui vivono.

Arrivare a Genova e aprire una terza città in meno di due anni è sì per i founders un traguardo importante, ma allo stesso tempo un punto di partenza: “Per noi MiMoto è una passione che portiamo avanti con entusiasmo e perseveranza, consapevoli delle sfide da affrontare, ma forti dei successi ottenuti finora a Milano e Torino – ha dichiarato l’amministratore delegato di Iren Massimiliano Bianco – essere a Genova è per noi motivo di orgoglio per la sua natura intrinseca di smart city e perché è una delle città con più mezzi a due ruote in strada a livello europeo, dove lo scooter è un vero e proprio compagno di vita. MiMoto si pone come disincentivo del mezzo privato e come un servizio destinato al miglioramento della mobilità cittadina. Anche a Genova, lavoreremo ogni giorno per migliorare sempre più il servizio attraverso un contatto costante e diretto con il cittadino e con la nostra community di eRiders. A distanza di un anno esatto dal lancio del progetto su Torino, siamo lieti di poter offrire questo servizio anche ai genovesi. Dopo aver fatto noi per primi la scelta per la mobilità sostenibile, dotando tutte le nostre squadre sul territorio di mezzi elettrici, e dopo aver lanciato lo scorso anno il sistema di e-bike, oggi, grazie alla partnership con MiMoto, si aggiunge un nuovo servizio a quelli già offerti ai nostri clienti. L’offerta di Iren si ampia così sempre di più e si allarga, dalla fornitura di energia a una molteplicità di servizi che contribuiscono a rendere migliore la vita dei nostri clienti per costruire un futuro migliore per tutti”.