Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Scatta la Prima Categoria, Girone C ed è subito sagra del gol risultati

Il Borzoli ne fa cinque. Gara spettacolare fra Sampierdarenese e Pontedecimo

Comincia ufficialmente il campionato di Prima categoria, Girone C e lo fa sotto una pioggia battente che ha inaugurato la stagione 2019/20. Inizio scoppiettante a Sampierdarena dove i padroni di casa hanno vinto, non senza sudare le proverbiali sette camicie, contro l’ottimo Pontedecimo. Sette sono stati i gol complessivi segnati dalle due squadre con i granata che la sbloccano al 10° sull’asse Pasti – Bui. Il primo inventa su punizione, il secondo è perfetto nella conclusione al volo e manda la palla alle spalle di Viola. 

Passano sei minuti e gli ospiti raddoppiano con un contropiede fulmineo di Pasti che viene atterrato in area dal portiere. Dal dischetto va lo stesso Pasti che non sbaglia. La Sampierdarenese sembra persa, ma una punizione di Messina rianima i biancorossoneri che sembrano trovare la reazione, ma poco prima dell’intervallo restano in dieci per l’espulsione di Bevegni. Paradossalmente al rientro i locali attaccano e si fanno preferire arrivando al pari con Pili e all’85° un calcio di rigore trasformato da Taravella sembra confermare il ribaltone, ma il “solito” Pasti rimette le cose in parità salvo il guizzo del neo entrato Musiari che al 92° fissa il clamoroso 4-3 per i lupi che festeggiano un avvio di campionato pazzesco.

Molto meno spettacolare, ma ugualmente efficace è il San Cipriano che domina sulla Riese, ma vince solo 1-0 grazie al dopo di testa di Bottino al 30°. Vittoria esterna per il Nuova Oregina che vede subito mettersi bene le cose quando Parodi esce al limite dell’area e stende Pavone rimediando un rosso diretto. Al 26° proprio Pavone colpisce al volo e sigla lo 0-1.Al 43° ancora Pavone in contropiede chiude virtualmente i conti con lo 0-2. Squadre che finiranno entrambe con meno di undici uomini a testa visto che l’Oregina perde Gobbi per somma di ammonizioni e Diego Marchelli per avere ostruito la ripresa del gioco.

Vince in trasferta anche la Ruentes che espugna Cogoleto. Al 32° Grilli insacca su respinta corta del portiere locale. Cinque minuti dopo Olmo sfiora il raddoppio, ma il suo tiro sbatte sulla traversa. Nel secondo tempo il fantasista bianconero si rifà colpendo al 56° con una bella azione personale conclusa con un tiro in diagonale. Al 68° i padroni di casa accorciano con Sciutto, ma ancora Olmo firma la doppietta che chiude definitivamente i conti.

In una giornata dalle tante vittorie esterne, non è da meno la Vecchiaudace Campomorone che con una doppietta di Casanova supera la Calvarese, mentre il Prato espugna il terreno di gioco del Borgoratti con Arcuri che la sblocca al 20° su calcio di rigore. Nella ripresa il gol più bello della prima giornata lo firma Traverso con un tiro al volo da oltre 25 metri che fredda Cellerino. Solo per le statistiche il gol di Mosetti al 90°.

Partita a senso unico a Borzoli fra i padroni di casa e il Progetto Atletico. I gialloblù impiegano appena sei minuti per passare a condurre con Colella che servito al limite dell’area e batte Launi con un tiro preciso. La reazione degli ospiti non tarda ad arrivare e al 18° con una bella azione corale, arriva il pareggio firmato da Gualdi.

Al 40° il Borzoli spreca dal dischetto con Colella che si fa ipnotizzare da Launi che para. Passano due minuti e l’attaccante gialloblù si riscatta con un gol in mischia che rimette davanti i padroni di casa. Da qui è solo Borzoli. Al 51° De Vincenzo fa tutto da solo e lo fa benissimo firmando il tris. Al 75° il poker lo firm Perego di testa su corner, mentre al 90° c’è gloria anche per Venturi che trova il quinto gol. 

Unico pari di giornata è quello fra Fegino e San Bernardino in una gara in cui sono stati decisivi i tiri da fermo. Il primo arriva al 37° con il rigore fischiato per il Fegino frutto di un’azione offensiva prolungata. Dal dischetto va Becciu che fredda Meneghel. Il secondo a cinque minuti dalla fine è una punizione di Lamuedra sulla quale interviene Martines che ristabilisce la parità.