Nel carcere di Pontedecimo ci si affida alla Madonna, ma per nascondere la droga - Genova 24
Operazione antidroga

Nel carcere di Pontedecimo ci si affida alla Madonna, ma per nascondere la droga

carcere pontedecimo

Genova.  Aveva deciso di usare ai santini raffiguranti la Madonna, per nascondere l’hashish ma le agenti della Polizia Penitenziaria in servizio nel Carcere di Genova Pontedecimo, l’anno scoperta, durante una perquisizione, e denunciata.

Si tratta di una detenuta italiana del 1988 , in carcere per reati di “rapina” e pluripregiudicata con condanna di anno 1 e mesi 9. A darne notizia è Fabio Pagani , Segretario Regionale UIL PA- polizia penitenziaria, che oltre ad esprimere apprezzamento al personale impegnato, ricorda le criticità dei questo edificio carcerario.

“Un Istituto quello di Genova Pontedecimo che ha terminato i posti a disposizione per eventuali donne arrestate ( 83 presenti) – ci auguriamo – conclude il sindacalista della UIL – che la Direzione del Carcere abbia nuovamente provveduto a comunicare agli organi competenti, la gravissima situazione di sovraffollamento del reparto femminile”.