Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Marijuana legale: ecco le tipologie disponibili online

Più informazioni su

In questi ultimi mesi si fa un gran parlare della canapa legale.  Un argomento che, in questi giorni, è stato rilanciato da uno studio realizzato da alcuni ricercatori italiani (e pubblicato sulla famosa rivista European Economic Review) secondo cui la Maijuna legale aiuterebbe a contrastare la criminalità organizzata riducendo lo spaccio.

Ma andiamo con ordine e cerchiamo di capire meglio in che modo si sta evolvendo il mercato quali tipologie di marijuana è possibile acquistare legalmente negli shop online. La canapa, o cannabis light, è il nome scientifico della marijuana leggera, pianta che combinando THC e CBD è in grado di stimolare l’attività cerebrale e di rilassare. La canapa leggera non è solo una risposta alla voglia di divertimento, infatti se si sceglie il tipo giusto di cannabis questa può rivelarsi un validissimo aiuto per disturbi come ansia, dolori muscolari e patologie come la schizofrenia.

Si parla ovviamente di marijuana light e quindi legale, ossia quella con basse concentrazioni di THC (sotto lo 0,6%),  sostanza psicoattiva responsabile dell’effetto di “sballo”. Le varie concentrazioni di THC e CDB, le due molecole responsabili di effetti e benefici, differenziano i vari tipi di marijuana light dando effetti calmanti oppure rinvigorenti.

Gli effetti della cannabis light sono sempre più studiati. Negli ultimi anni la canapa leggera è diventata terapia del dolore per pazienti di SLA con malattie reumatiche, e un valido aiuto per tutte le persone che affrontano chemioterapia, radioterapia o terapie per AIDS e HIV.

Vari tipi di cannabis light: sativa, indica e ruderalis

La cannabis sativa è quella largamente utilizzata anche in campo tessile. Di origine europea, la sua pianta è coltivabile solo all’esterno per la sua notevole dimensione. Questo tipo di marijuana leggera è quella che contiene la maggior quantità di THC (tetraidrocannabinolo).

La canapa sativa può aiutare a:

  • stimolare la creatività
  • dare euforia
  • calmare la nausea
  • stimolare l’appetito
  • abbassare l’aggressività
  • rivitalizzare
  • combattere i sintomi della depressione

La canapa sativa è impiegata anche in campo cosmetico sotto forma di olio. Essendo, sotto questa forma, privo di sostanze stupefacenti, l’olio di canapa diventa un alleato perfetto nella lotta contro i segni del tempo e di disturbi del cuoio capelluto.

La cannabis indica è quella coltivabile anche all’interno. Di origine orientale (prevalentemente India), le sue dimensioni sono più ridotte e le foglie più larghe. La quantità di THC è bassa mentre il CDB (cannabinolo) è presente in altissime concentrazioni, permettendone l’uso medico con il suo effetto rilassante.

la canapa indica è un aiuto per:

  • dolori di vario tipo
  • spasmi muscolari
  • infiammazioni
  • ansia
  • schizofrenia e disturbi psichici in generale
  • attenuare gli effetti collaterali di terapie invasive
  • insonnia
  • tremolii
  • alleviare lo stress

La canapa ruderalis è l’unica varietà auto-fiorente. Non richiede particolari attenzioni nella sua coltura ma fiorisce solamente in climi rigidi, rendendola perfetta per i paesi del nord come Russia o Cina. Questo tipo di cannabis light non contiene grandi quantità di THC e CDB ma la sua facilità di fioritura la rende perfetta utilizzandola in incroci con le altre varietà (sativa e indica) al fine di creare ibridi.

Insomma, al di la di quello che si può pensare gli usi, anche terapeutici, della cannabis legale sono molteplici e permettono di poter risolvere problematiche, anche piuttosto importanti, in modo semplice e naturale.