Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

La Lavagnese ferma la Sanremese. Ligorna in crisi risultati

Bianconeri al secondo pareggio, mentre i biancoblù non riescono a smuovere una classifica che inizia a preoccupare

Animi opposti per le due squadre genovesi impegnate nel campionato di Serie D. Entrambe sono unite dal triste primato di non avere ancora assaporato il dolce gusto della vittoria dopo tre turni, ma di sicuro il pareggio della Lavagnese contro la Sanremese ha un sapore piacevole viste le ambizioni dei matuziani che non riescono a fare bottino piano a Lavagna.

Si gioca sotto un sole ancora pienamente estivo e parte forte la squadra di Ascoli, oggi squalificato, che al 13° va vicinissima al gol con Lo Bosco il cui tiro si stampa all’incrocio dei pali facendo tremare la porta di Nassano. La gara poi rallenta con le squadre che si chiudono, ma è ancora Lo Bosco a sfiorare il gol con un gran colpo di testa che trova la risposta efficace di Nassano. 

Nella ripresa il gioco fatica a decollare anche per il grande caldo, con Romanengo e Oneto che non inquadrano la porta. Si arriva perciò al 78° con il parziale fermo sullo 0-0 quando Scalzi penetra in area e viene atterrato da Di Lisi che è nettamente in ritardo e provoca quindi il calcio di rigore che lo stesso fantasista trasforma portando in vantaggio i biancocelesti. La Lavagnese si riversa quindi in avanti e all’86° trova il gol del pareggio con Perasso che anticipa tutti su corner e spedisce la sfera nel sacco. 

L’anno scorso il Ligorna era stata la squadra rivelazione, quest’anno invece tutto sembra cambiato. Certo sono partiti alcuni uomini chiave della squadra biancoblù, ma tre gare e tre sconfitte non fanno presagire nulla di positivo per i ragazzi di Monteforte che tornano da Sarzana con un passivo di 3-1 meritato soprattutto per il bel gioco espresso dalla Fezzanese che è prima in classifica a punteggio pieno.

Verdi che passano in vantaggio al 35° con Zavatto che interviene di testa su calcio d’angolo e sblocca meritatamente in favore dei sarzanesi dopo alcune chiare occasioni collezionate con Diallò e Addiego Mobilio. In avvio di ripresa, però la gara potrebbe cambiare quando Cantatore tocca con la mano in area provocando il rigore che Kacorri trasforma. La Fezzanese sembra subire il colpo e sbanda, ma quando si fa vedere in avanti fa paura con Diallò che da due passi spreca una grande occasione calciando addosso a Bulgarelli. 

Si arriva ai minuti finali con i genovesi che pregustano il primo punto stagionale ed invece Castagnaro pesca proprio Diallò in area con un cross preciso che stavolta l’attaccante africano spedisce alle spalle dell’incolpevole Bulgarelli. Nel recupero poi il Ligorna è chiamato al forcing, ma un calcio di punizione di Addiego Mobilio chiude definitivamente la contesa sul 3-1.

Ora è tempo di derby perché domenica prossima va in scena Ligorna – Lavagnese, uno scontro fra le deluse di questo avvio di campionato che potrà dire molto sul futuro di entrambe le squadre.