Grande opera

Gronda, ministra De Micheli: “Confronto serrato per soluzioni condivise. Ascolto per migliorare progetto”

La risposta durante il question time a Montecitorio

gronda di ponente

Genova. “Nei giorni scorsi ho incontrato sia il sindaco di Genova che il presidente della Regione Liguria per costituire un gruppo di lavoro con gli enti locali coinvolti nell’intervento, per l’ascolto di tutti gli interessati, per raccogliere suggerimenti utili a migliorare il progetto e le ulteriori opere collegate, nonche’ per consentire una compiuta verifica e valutazione dell’opera da parte di tutte le forze politiche”.

A dirlo la neo ministra alle Infrastrutture De Micheli, che ha poi aggiunto che: “in attesa delle risultanze della procedura, il tempo verra’ utilizzato per questo serrato confronto al fine di arrivare in tempi rapidi all’individuazione di soluzioni condivise”.

La dichiarazione è arrivata durante il questioni time sulla Gronda alla Camere dei Deputati: “Infatti, non e’ intenzione del Ministero determinare conseguenze negative in termini temporali e realizzativi non compatibili con le aspettative del territorio”, ha detto De Micheli, sottolineando che “serve un modo diverso di pensare alle infrastrutture: opere utili ed in tempi ragionevoli, all’esito di percorsi il piu’ possibile condivisi”.

leggi anche
gronda tracciato
Ancora
Gronda, De Micheli: “Percorso politico per trovare aggiustamenti e procedere all’avvio dell’opera”
Giovanni Toti provincia di Savona
Sfuriata
Gronda, a Toti non piace l’ipotesi di un tavolo sulla grande opera lanciata dal ministro De Micheli
toti
Grandi opere
Gronda, Toti: “Non bisogna aprire il tavolo, bisogna aprire il cantiere”

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.