Quantcast
Lavoro

Ex-Ilva, lavoratori in presidio e corteo verso consiglio regionale: “Rispettate gli accordi”

Per i sindacati “se non interviene il governo deve essere la Regione a fare da garante”

Genova. Sono 280 i lavoratori dell’ex Ilva di Cornigliano rimasti nell’azienda in amministrazione straordinaria e oggi in cassa integrazione. Per integrare il reddito, come previsto dall’accordo di programma, i dipendenti svolgono lavori di pubblica utilità che devono essere rinnovati ogni anno.

Dopo aver aver atteso inutilmente una convocazione da parte del Governo oggi Fiom, Fim e Uilm hanno deciso di convocare un presidio con corteo da piazza De Ferrari alla sede del consiglio regionale dove sono arrivati dopo aver lanciato alcuni petardi: “E’ assurdo che ogni anno – spiega Armando Palombo dell’rsu – che ogni anno dobbiamo tornare in piazza per ricordare al Governo il rispetto dell’accordo, tanto piu che i soldi per i lavori di pubblica utilità sono già nelle casse di società per Cornigliano che peró deve essere autorizzata”.

Senza l’integrazione al reddito i lavoratori in cassa, rispetto ai colleghi assunti da Arcelor Mittal, subiscono una decurtazione di circa 300 euro al mese. Per i sindacati “se non interviene il governo devono essere la Regione a fare da garanti”. I lavoratori sono entrati nel palazzo della Regione per chiedere un incontro con i capigruppo.

leggi anche
  • Episodio
    Petardo e scontri con ragazzini davanti al consiglio regionale, tensione durante protesta operai ex Ilva
    Generica