Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Coppa Italia: Rapallo primo, Bogliasco fuori per differenza reti

Girone dominato dalla SIS Roma; alle biancazzurre non basta il pareggio

Rapallo. Si è chiusa la prima fase dell’ottava Coppa Italia femminile. Sono passate le prime tre classificate di ogni girone.

A Padova (girone A) accedono alla final six le padrone di casa del Plebiscito (prime e direttamente in semifinale), davanti all’Ekipe Orizzonte e l’NC Kally Milano. Fuori CSS Verona e Pallanuoto Trieste; a Firenze (girone B) domina la SIS Roma detentrice del trofeo che si qualifica prima e accede alle semifinali. Poi il Rapallo Pallanuoto, con Bogliasco 1951 e RN Florentia a pari punti ma per l’ultimo pass utile passano le gigliate per differenza reti. Vela Nuoto Ancona fuori.

I quarti di finale saranno Ekipe Orizzonte-Kally Milano e Rapallo-Florentia.

La classifica del girone A (a Padova): Plebiscito Padova 12, L’Ekipe Orizzonte 9, Kally NC Milano 6, CSS Verona 3, Pallanuoto Trieste 0.

La classifica del girone B (a Firenze): SIS Roma 12, Rapallo 9, Florentia 4, Bogliasco 1951 4, Vela Nuoto Ancona 0.

Per il Rapallo, questo il commento del coach Luca Antonucci: “Abbiamo perso con onore, tenendo testa alle giallorosse fino a metà del quarto tempo: un ottimo risultato, considerando che la Roma ha costruito la squadra per puntare allo scudetto Approdiamo comunque alla final six di Coppa Italia ed è il primo obiettivo raggiunto, importante per la crescita di questa formazione molto giovane. Ora abbiamo una settimana per ricaricare le batterie e prepararci alla prima di campionato, che per noi è una partita durissima, in trasferta a Padova. Vedremo di giocarla al meglio”.

Per quanto riguarda il Bogliasco (nella foto), i motivi per sorridere a coach Sinatra tuttavia non mancano. La tre giorni della Nannini si è dimostrata un importante test in vista del campionato che inizierà sabato prossimo. Molte note positive per una squadra dall’età media bassissima. Le quattro nuove Mori, Whitelegge, Claudia e Sonia Criscuolo hanno mostrato di essersi inserite subito alla perfezione nello spogliatoio bogliaschino; le veterane Millo, Rogondino, Malara e Cuzzupè si sono confermate indispensabili punto di riferimento per il gruppo; le giovani Cocchiere, Santinelli, Mauceri e Falconi, al secondo anno in prima squadra, lasciano ben sperare in vista di un futuro che è tutto dalla loro parte; le semi esordienti Rayner e Paganello sono il sintomo di un vivaio che non smette di produrre talenti. Insomma, al di là di un’eliminazione che lascia comunque un po’ di amaro in bocca, la consapevolezza di avere una squadra che potrà dire la sua in una A1 sempre più competitiva fa sembrare il bicchiere bogliaschino molto più pieno che vuoto

Di seguito i tabellini dell’ultimo turno del girone B.

Bogliasco 1951-Rari Nantes Florentia 8-8
Bogliasco 1951: Malara, T. Cocchiere, Paganello, Cuzzupè 1, Mauceri, G. Millo 2, Santinelli, Rogondino 1, Mori, C. Criscuolo, Whitelegge 1, S. Criscuolo 3, E. Falconi. All. Sinatra.
Rari Nantes Florentia: Banchelli, Rorandelli, Mandelli, Cordovani 1, Ten Broek 2, Falconi, Sorbi, Francini 2, Giachi 2, Nencha, Marioni 1, Amedeo, Perego. All. Cotti.
Arbitri: Braghini e L. Bianco
Note: parziali 1-2, 1-2, 3-3, 3-1. Uscite per limite di falli Millo (B) nel terzo, Ten Broek (F) nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Bogliasco 4/12. Florentia 3/10 + 2 rigori falliti nel primo tempo da Rorandelli e nel quarto tempo da Nencha sul 7-8 a 3.34. Pareggio decisivo della Rogondino a 7.30.

SIS Roma-Rapallo Pallanuoto 12-7
SIS Roma: Sparano, Tabani 2, Galardi 1, Avegno 3, Motta, Iannarelli 1, Picozzi 4 (2 rig.), Sinigaglia, Nardini, Di Claudio 1, Storai, Tori, Brandimarte. All. Capanna.
Rapallo Pallanuoto: C. Falconi, Zanetta, Gitto, Giustini 3, Marcialis 1, Gagliardi 1, Kuzina 1, D’Amico, Colletta, Bujka 1, Foresta, Cò, Risso. All. Antonucci.
Arbitri: Romolini e Guarracino
Note: parziali 3-2, 1-2, 4-3, 4-0. Uscite per limite di falli Motta (R) nel secondo tempo, Foresta (R) nel terzo tempo. Superiorità numeriche: Roma 2/11, Rapallo 2/11 + 2 rigori.