Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Batterio Nuova Delhi, 31 morti sospette in Toscana ma in Liguria il sistema sanitario lo tiene da tempo sotto controllo

Alisa: "Infondate le affermazioni allarmanti riportate dai media sulla mancate azioni di monitoraggio e controllo"

Più informazioni su

Genova. La circolazione del batterio New Delhi Metallo-beta-lattamasi (NDM) rientra nel fenomeno seguito con attenzione da tempo e presente a livello globale della diffusione delle Enterobatteriacee produttrici di Carbapenemasi (CPE). Lo assicura Alisa, la rete delle Asl e delle strutture ospedaliere regionali per tranquillizzare i cittadini del territorio.

Il sistema di monitoraggio e controllo delle CPE è attivo in Italia dal 2013 e la Liguria è stata una delle prime regioni a recepire integralmente le indicazioni presenti nella circolare ministeriale di istituzione del sistema di sorveglianza.

Il riscontro di casi di malattia o di cluster di portatori di NDM – spiegano da Alisa – è ampiamente rilevato in tutto il mondo negli ultimi anni e il quadro epidemiologico riscontrato nelle regioni italiane, dove la sorveglianza è più attiva ed efficace, è coerente con il panorama europeo. L’outbreak in Toscana rappresenta un evento isolato, meritevole di attenzione.

In Regione Liguria è attivo un sistema di sorveglianza efficace delle Infezioni correlate all’assistenza (ICA), comprese le CPE che, per l’elevato standard qualitativo, ha portato a pubblicazioni su riviste scientifiche internazionali. Il fenomeno della circolazione di NDM è oggetto di attenzione del gruppo tecnico regionale per la sorveglianza e controllo delle ICA, come evidenzia la presenza dell’argomento nell’ordine del giorno dell’incontro tenutosi in data 21 giugno 2019.

Il piano nazionale di contrasto all’antibiotico resistenza è stato recepito a livello regionale (DGR 265/2018) e le misure per il controllo delle CPE, efficaci anche per il NDM, sono già attive da tempo nella nostra Regione (DGR 529/2015). “Appaiono, quindi – dicono da Alisa – infondate le affermazioni allarmanti riportate dai media sulla mancate azioni di monitoraggio e controllo nei confronti delle CPE-NDM in Liguria. È bene precisare, onde evitare di generare pericolosi e immotivati allarmismi, che nella nostra Regione, è garantita un’attività di sorveglianza e controllo delle potenziali situazioni di rischio, dove non sussiste nessun tipo di trascuratezza o incuria nella tutela dei percorsi sanitari e, in particolare, delle infezioni correlate all’assistenza”.