Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

“Aperitivo con lo stalker”, Pd: “Non basta smentire il patrocinio, serve ferma condanna”

Più informazioni su

Genova. Anche il Pd a Genova interviene sul tema del patrocinio, presunto, reale, parziale o “fake news” come lo ha definito il sindaco Marco Bucci, delle istituzioni genovesi all’evento letterario “Aperitivo con lo stalker” in cui un blogger genovese racconta la sua storia in cui critica la normativa italiana che (“Come incastrare un uomo a norma di legge. sul tema della demonizzazione dell’uomo, del femminismo tossico e di tutte le mistificazioni connesse”). Per la cronaca, sul volantino dell’appuntamento e sulla pagina Facebook dell’evento è presente tuttora lo stemma del municipio Levante.

“Non basta – affermano il Gruppo Pd Comune di Genova e il Gruppo Pd Municipio Levante – che il Comune di Genova dichiari di non avere concesso il, parlando di uso improprio del logo, all’incontro con lo scrittore e blogger genovese Davide Stasi “Aperitivo con lo stalker. Come incastrare un uomo a norma di legge. Tre spiragli: visioni alternative su uomini e donne”, in programma il 20 settembre al Castello di Nervi sulla passeggiata Anita Garibaldi. Sul manifesto compare infatti il simbolo del Comune di Genova insieme a quello del Municipio Levante”.

“Ricordiamo – continuano i Dem – che il Comune ha responsabilità diretta nella concessione dei patrocini dei municipi, perché su volere della Giunta Bucci è informato prima e dopo la concessione, assumendo così la facoltà di intervenire qualora non sia politicamente d’accordo. Ora, a seguito delle dichiarazioni del Comune di Genova di stamattina, che non chiariscono la posizione politica dell’amministrazione comunale rispetto all’evento, chiediamo che il Comune chieda la revoca del patrocinio al Municipio Levante”.

Il Pd ricorda anche quando un altro municipio retto dal centrodestra, il Medio Levante, concesse il patrocinio e l’uso di sale pubbliche all’associazione Il Ramo d’Oro, che ha espresso posizioni revisioniste antisemite vicine all’ideologia fascista. Il patrocinio era stato poi ritirato.