Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Aon Open Challenger: avanti Sonego, Ramos-Vinolas e Kohlschreiber foto

Baldi fa fuori Carballes Baena, Coria elimina Cecchinato

Genova. Inizia alle ore 12, sui campi di Valletta Cambiaso, la terza giornata della 17ª edizione dell’Aon Open Challenger. Oggi, mercoledì 4 settembre, si completano i sedicesimi di finale del singolo e gli ottavi di finale del doppio.

Ecco gli aggiornamenti degli incontri odierni.

Campo centrale: Balazs Attila – Molcan Alex 3/6 6/3 6/3

Nei primi quattro giochi domina il servizio; nel quinto Molcan deve annullare due break point. Nel gioco successivo Balazs va in battuta e perde a 30: 4/2 per Molcan. Altri tre giochi senza vantaggi e lo slovacco, qualificato, fa suo il primo set per 6/3. Nel secondo set Balazs parte bene e brekka l’avversario: 2/0. Nel quarto gioco Molcan è bravo a riprendersi da 0-40 con una striscia di cinque punti di fila. Ma non è capace di fare il controbreak, dato che l’ungherese annulla le due opportunità per lo slovacco nel nono gioco e pareggia i conti con un 6/3. Nel quarto set Balazs, numero 13 del torneo, mostra il suo valore superiore all’avversario e gli strappa il servizio nel terzo e nel quinto gioco. Nell’ottavo game Balazs va a servire per il match, ma commette due doppi falli e permette allo slovacco di tornare in gioco sul 5/3. Ma nel gioco successivo Attila è implacabile, lascia l’avversario a 0 e vince 6/3.

Campo numero 1: Dutra Silva Rogerio / Jebavy Roman – Brkic Tomislav / Pavic Ante 6/2 3/6 4-10

Dutra Silva e Jebavy, teste di serie numero 4 del torneo, strappano i primi due turni di servizio agli avversari, portandosi sul 4/0. Poi conducono in porto il set, vincendolo 6/2. Nel secondo parziale Brkic e Pavic reagiscono: nel secondo game falliscono due palle break, ma vincono il sudden death point: 2/0. Arrivano a condurre 4/1. Si prosegue con i turni di servizio a farla da padroni, così il bosniaco ed il croato pareggiano i conti. Il primo super tie-break del torneo vede Brkic e Pavic infilare cinque punti consecutivi dall’1-1 al 6-1. Da quel momento gestiscono il vantaggio e chiudono 10 a 4.

Campo numero 2: Middelkoop Matwe / Zelenay Igor – Neis Fabricio / Vega Hernandez David 6/3 6/1

L’incontro ha poca storia. Middelkoop e Zelenay, favoriti del torneo, quando servono solamente nel sesto gioco arrivano sul 40-40; al contrario mettono a segno due break, nel quinto e nel nono gioco, vincendo 6/3 il primo set. Nel secondo parziale sono ancora più implacabili, strappando il servizio al brasiliano e allo spagnolo nel secondo e nel sesto gioco, imponendosi 6/1.

Campo numero 2: Begemann Andre / Mergea Florin – Giannessi Alessandro / Mager Gianluca 6/0 7/5

Il primo set non ha storia: gli italiani vincono solo undici punti; il tedesco e il romeno ventisei, ultimo dei quali un doppio fallo che sancisce il 6/0. Il secondo set è più combattuto. Giannessi e Mager non sfruttano un sudden death point, poi evitano due palle break: 1/1. Nel settimo game brekkano gli avversari e vanno 4/3, ma vengono subito riacciuffati sul 4 pari. Ben otto giochi su dodici si concludono con il punto decisivo. Tra questi, il dodicesimo: sul turno di servizio degli italiani, Begemann e Mergea mettono a segno il quindici della vittoria.

Campo numero 1: Baldi Filippo – Carballes Baena Roberto 7/6 1/6 6/1

Scende in campo il numero 5 del torneo, Carballes Baena, e contro Baldi non ha vita facile. Il primo turno di servizio dello spagnolo dura dieci punti; il secondo dodici. Il terzo vede il milanese strappargli il servizio a 30 e andare sul 4/2. Roberto prova la reazione, ma Baldi riesce a far suo il successivo turno di servizio, durato diciotto punti e con due palle break annullate. Ma Carballes Baena pare proprio essere entrato in partita: tiene la battuta a 15 e vince il game di risposta a 15: 5/4 per l’italiano. Poi, tre giochi con il servizio tenuto a 30 e si arriva al tie-break. Baldi fa subito due minibreak e poi li gestisce bene, arrivando al 6-2. Carballes Baena annulla due palle set, poi capitola 7-4. Il secondo set dura solamente sette giochi. Carballese Baena vince tutti i suoi turni di servizio senza mai arrivare alla parità, mentre Baldi cede il suo primo a 15 e il suo terzo a 0. Risultato: 6/1. Ben altro andamento ha il terzo set. Il milanese riparte deciso, tiene il servizio, brekka l’avversario, subisce il controbreak e poi vince un altro gioco in risposta, a 15: Baldi sul 3/1, che poi diventa 4/1 con un game a 15. Filippo fa un altro break e poi chiude agevolmente col servizio: 6/1. Bella impresa dell’italiano che elimina la testa di serie numero 5. Sono quattro, su sedici, le teste di serie del singolo uscite di scena.

Campo centrale: Gaio Federico – Ramos-Vinolas Albert 4/6 6/4 2/6

Gaio parte senza timore contro il quotato avversario e nel secondo gioco ha a disposizione tre palle break, ma non le trasforma. Al contrario, il quinto game è fatale al romagnolo che perde il servizio a 30. Nell’ottavo gioco Federico conquista altri due break point, ma non li capitalizza e si ritrova sotto 5/3. Nel decimo game ancora una palla break per Gaio, ma il computo finale è zero su sei e Ramos-Vinolas fa suo il primo set per 6/4. In apertura di secondo set, Gaio subisce un altro break. La partita sembra segnata, tanto più che Albert annulla due palle break e va sul 3/1, poi arriva sul 4/3. A quel punto c’è la grande reazione di Federico che strappa per due volte consecutive il servizio allo spagnolo e porta l’incontro al terzo set. Ramos-Vinolas rientra con la testa nel match e in un lungo terzo gioco, durato dodici punti, ga il break. Ben più rapido il break nel quinto gioco, con Gaio che perde il servizio a 30: 4/1. Lo spagnolo va sul 5/1, Gaio tiene il servizio a 0 ma lo stesso fa Ramos-Vinolas. Il numero 2 del torneo passa agli ottavi di finale.

Campo numero 2: Coppejans Kimmer / Monteiro Thiago – Bagnis Facundo / Travaglia Stefano 3/6 4/6

Ieri sera, da avversari in singolo, hanno dato vita ad una lunga battaglia. Oggi Bagnis e Travaglia partono bene fianco a fianco in doppio: tengono il servizio e brekkano gli avversari a 15. Poi, in tutto il set, c’è il dominio della coppia in battuta, senza mai arrivare sul 40-40. Finisce 6/3. Nel secondo set, in apertura, 30-40 sul servizio di Coppejans e Monteiro e doppio fallo. Nel secondo game sul 40-40 la spuntano l’italiano e l’argentino: 2/0. Poi dominio del servizio, così Bagnis e Travaglia vincono 6/4.

Campo numero 1: Tabilo Alejandro – Vesely Jiri 5/7 1/6

Il primo set scorre senza break. Vesely annulla una palla break nel sesto gioco e ben tre nel quarto, dove rimonta da 0-40. Tabilo, quindi, sembra sul punto di sopravanzare l’avversario, ma nell’ultimo turno di servizio, avanti 40-30, incassa tre punti di fila, ultimo dei quali un doppio fallo, e viene brekkato. Il ceco poi alla battuta chiude 7/5. Il cileno la paga sul piano morale e perde il servizio due volte di fila. Vesely va così sul 4/0, poi sul 5/1. Tabilo non c’è più e incassa il definitivo 6/1.

Campo centrale: Coria Federico – Cecchinato Marco 7/6 3/6 6/4

Cecchinato tiene il servizio a 15 e strappa quello dell’avversario a 0. Ma non è semplice come sembra. Coria fa l’immediato controbreak e, sul successivo turno di servizio del siciliano, lo impegna non poco. Il settimo gioco vede Cecchinato annullare due palle break; nel decimo game Coria ne annulla tre. Sul 5/5 il siciliano si ritrova 15-40, ma sa uscire bene dalla situazione di difficoltà. Si arriva al tie-brek, nel quale Cecchinato fa i primi due punti, ma viene subito raggiunto sul 2-2. Coria sul 4 pari trova l’allungo decisivo e chiude 7-4. Nel secondo set Cecchinato parte deciso a riscattarsi e brekka subito l’avversario a 30. Poi si contano ben sette giochi vinti da chi serve senza mai arrivare ai vantaggi: si arriva al 5/3. A quel punto il siciliano chiude il set come l’aveva iniziato, strappando il servizio a 30 all’argentino: 6/3. L’avvio del terzo set, però, è disastroso per Marco, che perde il servizio a 0. Però sa reagire immediatamente, con un controbreak: 1/1. Si arriva al 2/2 e a quel punto l’argentino strappa ancora il servizio a Cecchinato, che sul 30-40 fa doppio fallo. Sul 4/3 per Coria ecco un nuovo controbreak. Ma la speranza dell’italiano dura un attimo, perché deve fronteggiare altre due palle break e alla seconda cede. Poi Coria tiene il servizio a 15 e vince 6/4, eliminando il numero 3 del torneo.

Campo numero 1: Baldi Filippo / Caruso Salvatore – Andreozzi Guido / Molteni Andres 1/6 1/6

Baldi, provato dal match vinto in precedenza, torna in campo al fianco di Caruso, deluso di ieri. Nel primo game arrivano al 40-40, ma perdono il punto. Nel secondo di nuovo 40-40 e argentini che vanno sul 2/0. Nel sesto game Baldi e Caruso si ritrovano sotto 0-40, rientrano sul 40 pari ma perdono il punto decisivo. Sudden death point anche nel settimo gioco, ancora favorevole ad Andreozzi e Molteni che chiudono 6/1. Più rapido il secondo set, nel quale gli italiani vincono un solo gioco, il terzo, su quattro turni di servizio. Alla risposta realizzano solamente due punti e così il 6/1 è periodico.

Campo centrale: Kohlschreiber Philipp – Musetti Lorenzo 6/4 6/4

La wild card spezzina affronta il numero 4 del torneo e parte in maniera splendida, strappandogli il servizio a 30. Immediata la replica del tedesco, che fa il break a 15. Poi chi va in battuta ha la meglio, con una sola palla break, per Musetti, non trasformata nel quinto gioco. Il decimo game è fatale a Lorenzo, che cede il servizio a 15 e il set 6/4. Il secondo set sembra subito mettersi male per Musetti, che perde il primo turno di servizio e si trova sotto 3 a 0. Nel quinto gioco, però, passaggio a vuoto di Kohlschreiber che si fa brekkare a 0. 3 pari, poi 4 pari con una palla break annullata da Musetti. Philipp tiene il servizio a 15 e poi, in risposta, lascia Musetti a 30 piegandolo ancora per 6/4.

Campo centrale: Sonego Lorenzo – Hanfmann Yannick 6/1 6/3

L’ultima partita dei sedicesimi vede entrare in gioco il detentore, nonché numero 1 del seeding. Sonego non delude le attese e, dopo aver perso il primo gioco a 0, infila sette game consecutivi. Rilevante il quinto gioco che, con 24 punti giocati, dura quasi metà set. Hanfmann serve sull’1/5 e perde il servizio ai vantaggi. Poi, nel secondo set, il tedesco torna a muovere il punteggio andando sull’1/1. A quel punto Sonego fa un lungo game di battuta, nel quale annulla una palla break. Poi, un break per parte: 3/2 per il torinese. Hanfmann pareggia, 3/3. Quindi Sonego tiene la battuta ai vantaggi, brekka l’avversario a 15 e, dopo aver annullato altri due break point, fa suo il nono gioco, vincendo 6/3.

Il tabellone del singolo, sedicesimi di finale:
Sonego Lorenzo (ITA, 1) b. Hanfmann Yannick (GER) 6/1 6/3
Vesely Jiri (CZE, 16) b. Tabilo Alejandro (CHI) 7/5 6/1
Zeppieri Giulio (ITA) b. Giustino Lorenzo (ITA, 12) 6/3 6/2
Travaglia Stefano (ITA, 6) b. Bagnis Facundo (ARG) 3/6 6/3 6/3
Kohlschreiber Philipp (GER, 4) b. Musetti Lorenzo (ITA) 6/4 6/4
Zapata Miralles Bernabe (ESP) b. Coppejans Kimmer (BEL, 15) 6/2 6/4
Andreozzi Guido (ARG, 10) b. Ofner Sebastian (AUT) 4/6 6/3 6/0
Baldi Filippo (ITA) b. Carballes Baena Roberto (ESP, 5) 7/6 1/6 6/1
Munar Jaume (ESP, 7) b. Berlocq Carlos (ARG) 3/6 7/6 6/4
Davidovich Fokina Alejandro (ESP, 11) b. Galovic Viktor (CRO) 6/0 6/4
Daniel Taro (JPN, 14) b. Safwat Mohamed (EGY) 6/3 5/7 6/4
Coria Federico (ARG) b. Cecchinato Marco (ITA, 3) 7/6 3/6 6/4
Monteiro Thiago (BRA, 8) b. Pellegrino Andrea (ITA) 6/3 6/4
Mager Gianluca (ITA) b. Caruso Salvatore (ITA, 9) 7/6 6/2
Balazs Attila (HUN, 13) b. Molcan Alex (SVK) 3/6 6/3 6/3
Ramos-Vinolas Albert (ESP, 2) b. Gaio Federico (ITA) 6/4 4/6 6/2

Il tabellone del doppio, ottavi di finale:
Middelkoop Matwe / Zelenay Igor (NED/SVK, 1) b. Neis Fabricio / Vega Hernandez David (BRA/ESP) 6/3 6/1
Begemann Andre / Mergea Florin (GER/ROU) b. Giannessi Alessandro / Mager Gianluca (ITA/ITA) 6/0 7/5
Brkic Tomislav / Pavic Ante (BIH/CRO) b. Dutra Silva Rogerio / Jebavy Roman (BRA/CZE, 4) 2/6 6/3 10-4
Behar Ariel / Escobar Gonzalo (URU/ECU) b. Giustino Lorenzo / Granollers Gerard (ITA/ESP) 6/3 6/2
Balazs Attila / Romboli Fernando (HUN/BRA) b. Junaid Rameez / Raja Purav (AUS/IND) 7/6 7/6
Andreozzi Guido / Molteni Andres (ARG/ARG, 3) b. Baldi Filippo / Caruso Salvatore (ITA/ITA) 6/1 6/1
Bagnis Facundo / Travaglia Stefano (ARG/ITA) b. Coppejans Kimmer / Monteiro Thiago (BEL/BRA) 6/3 6/4
Arneodo Romain / Nys Hugo (MON/MON, 2) b. Gaio Federico / Pellegrino Andrea (ITA/ITA) 6/4 7/5