Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Aon Open Challenger: Zeppieri e Mager sorprendono Giustino e Caruso fotogallery

Arrivano dalle due sfide tutte italiane i risultati meno attesi. Munar e Daniel si aggiudicano i match maratona. Bene Travaglia

Genova. Si comincia a giocare alle ore 10,30 sui campi di Valletta Cambiaso per il torneo di Genova, l’Aon Open Challenger.

Ecco gli aggiornamenti degli incontri odierni.

Campo numero 1: Munar Jaume – Berlocq Carlos 3/6 7/6 6/4

Entra in gioco il primo pezzo grosso del torneo, Munar, numero 97. Nel primo combattuto gioco Berlocq annulla una palla break. Scambi combattuti, match equilibrato. Nel sesto game due palle break per Berlocq, che trasforma la prima: 4/2. Munar cerca subito di riprenderselo, l’argentino annulla una palla break: 5/2. Dopo 46′ in cui Berlocq ha fatto correre l’avversario variando tanto il gioco, concretizzando la prima palla break, va in archivio il primo set. Nel primo game del secondo game Munar annulla due palle break, con un po’ di fortuna, ma non la terza: 0/1. Controbreak di Munar, 2 pari. Sul 4 pari Munar annulla due palle break. Sul 5/5 Berlocq strappa il servizio all’avversario e va in battuta per il match. Ma Munar non molla e gli restituisce lo sgarbo: tie-break. Munar parte forte e va 6 a 0. Lo chiude 7-1. Si va al terzo. In apertura subito break di Munar. Ha una palla break anche nel terzo, annullata. 3 ore di gioco, Munar serve sul 4/3. Lo spagnolo arriva a servire sul 5/4 e con un gioco ai vantaggi chiude 6 a 4 dopo 3 ore e 14.

Campo numero 2: Molcan Alex – Bellucci Thomaz 6/4 7/5

Nel primo game Molcan ha due palle break e trasforma la seconda. Nel quinto gioco si va ai vantaggi, Bellucci resta nel set: 2/3. Nell’ottavo, lungo, gioco Molcan annulla due palle break ma non la terza: 4/4. Ma il brasiliano perde subito il turno di battuta e Molcan va a servire per il match. Bellucci sbaglia un facile appoggio col campo libero e la paga: 6/4 per lo slovacco. Nel terzo gioco del secondo set Bellucci annulla ben tre break point. Nel quinto il brasiliano si trova 0-40, annulla due break point ma sul terzo Molcan alza una gran palla che vale il 3/2. Controbreak di Bellucci, 3 pari. Ancora un break, 4/3 per lo slovacco. Bellucci al servizio parte con un doppio fallo, va 0-40 e annulla tre match point: 4/5. Molcan serve per il match ma la paura di vincere pesa e si fa brekkare dopo aver avuto la quarta occasione per chiudere. Ma c’è un altro break: 6/5. Molcan va 40-0, la chiude al settimo match point: 7 a 5 in 1 ora e 51.

Campo centrale: Giustino Lorenzo – Zeppieri Giulio 3/6 2/6

Nel quarto game Zeppieri strappa il servizio al napoletano e va 4 a 1. Nel settimo gioco Giustino fallisce una palla break. Il romano fa suo il primo set per 6/3. Nel quarto game del secondo set Zeppieri fa il break e si porta sul 3/1. Sul 2/4 ancora palla break per il romano che la trasforma con un doppio fallo. Zeppieri va al servizio e chiude 6/2. È il primo qualificato agli ottavi.

Campo numero 2: Zapata Miralles Bernabe – Coppejans Kimmer 6/2 6/4

Subito break in apertura per lo spagnolo che va sul 2/0. Subito controbreak. Sul 2/3 palla break per Zapata Miralles, annullata. Nei primi sei giochi, tranne il primo, ci sono state palle break: equilibrio, il servizio pesa poco. Lo spagnolo va sul 4/2, poi sul 5/2. Ancora break e al secondo set point in 50 minuti Zapata Miralles chiude 6/2. Nel secondo set, al contrario, si arriva sul 3/2 per lo spagnolo senza palle break. Nel sesto Bernabe non ne sfrutta una. Al decimo game lo spagnolo accelera e ha tre palle match. Chiude alla prima 6/4.

Campo centrale: Monteiro Thiago – Pellegrino Andrea 6/3 6/4

Nel primo game Pellegrini ha una palla break, nel terzo altre due ma non le sfrutta. Monteiro ne ha due nel sesto gioco e sfrutta la seconda: 4/2. Il brasiliano va a servire sul 5/3 e con un gioco a 0 chiude 6/3. Nel terzo gioco del secondo set Monteiro ha due palle break e trasforma la seconda, va 2/1 e c’è il warning per Pellegrino che scaraventa via la palla. Nel quarto game si riscatta e trasforma la seconda palla break per il 2/2. Immediato il controbreak di Thiago per il 3/2. Nell’ottavo game Pellegrino fa il break e va sul 4 pari. Nuovo break di Monteiro che va 5/4 e chiude 6/4.

Campo numero 1: Vavassori Andrea – Hanfmann Yannick 6/4 5/7 1/6

Nel secondo game Vavassori annulla una palla break. Nel settimo game l’italiano strappa il servizio all’avversario a 15 e poi va 5/3. Nel nono game annulla tre palle break e si impone 6/4. Nel secondo set break di Vavassori nel terzo game; immediato controbreak di Hanfmann. Nel nono gioco l’italiano non sfrutta tre palle break. Sul 5/6 Andrea si trova 15-40 e al secondo set point cede 7/5. Nel terzo set Hanfmann va sul 3 a 0. Nel quarto game Vavassori annulla due palle break. Nel sesto gioco c’è il break decisivo e poi il tedesco chiude 6/1.

Campo numero 2: Andreozzi Guido – Ofner Sebastiano 4/6 6/3 6/0

Break di Ofner nel secondo game ed immediato controbreak dell’argentino. Nel nono gioco Andreozzi perde il servizio a 15. Ofner va alla battuta, perde un solo 15 e chiude 6/4. Nel secondo gioco del secondo set Andreozzi fa il break e nel game successivo recupera da 0-40. Il parziale finisce 6/3 per Guido e si va al terzo. Andreozzi fa il break nel secondo gioco del terzo set e va sul 3/0. L’argentino va a chiudere 6 a 0.

Campo centrale: Galovic Viktor – Davidovich Fokina Alejandro 0/6 4/6

Lo spagnolo parte forte, ha cinque palle break nei primi due turni dell’avversario, ne trasforma tre e va sul 5/0. Chiude 6/0. Galovic si sblocca nel primo gioco del secondo set, poi fa il break e va sul 3/0. Sul 3/1 c’è il controbreak. Il croato avanti 30-0 perde il gioco e Davidovich Fokina si impone 6/4 in 1 ora e 19.

Campo numero 2: Balazs Attila /  Romboli Fernando – Junaid Rameez / Raja Purav 7/6 7/6

Nei primi dodici giochi nessuna palla break e un solo sudden death point. Nel tie-break l’ungherese e il brasiliano vincono 7-2. Identico andamento nel secondo set con Junaid e Raja che hanno due possibilità di vincere il game in risposta e non le sfruttano. Il tie-break premia l’ungherese e il brasiliano per 7 a 3.

Campo numero 1: Daniel Taro – Safwat Mohamed 6/3 5/7 6/4

Safwat annulla una palla break nel secondo game e tre nel terzo ma alla fine cede e si trova sotto 1/3. Nel quinto Daniel annulla due palle break. Arriva a servire sul 5/3 e chiude 6 a 3. Nel secondo game del secondo set Taro annulla una palla break. Nel quinto e nel settimo ne annulla una Safwat, nel decimo una Daniel. Decisivo il dodicesimo gioco in cui il giapponese perde il servizio a 30 e il set 5/7. In apertura di terzo set c’è subito una palla break fallita da Daniel, che poi ne manca una seconda nel settimo game, per poi trasformare la terza: 4/3. Non ci sono altre occasioni da break e il giapponese vince 6/4.

Campo centrale: Behar Ariel / Escobar Gonzalo – Giustino Lorenzo / Granollers Gerard 6/3 6/2

Partita spostata sul centrale a causa del ritardo sull’1. Dopo sette game dominati dal servizio, nell’ottavo gli europei non fanno un punto in battuta. Behar ed Escobar vanno a servire sul 5/3 e tengono la battuta a 15, vincendo il primo set. Nel secondo Giustino e Granollers hanno solo una palla per strappare il servizio ma non la sfruttano, mentre vengono brekkati nel terzo e nel settimo. Finisce 6 a 2.

Campo numero 1: Gaio Federico / Pellegrino Andrea – Arneodo Romain / Nys Hugo 4/6 5/7

Subito break dei monegaschi e controbreak degli italiani. Poi sempre netti successi di chi serve fino al nono gioco, quando Gaio e Pellegrino vengono brekkati a 15. Poi subiscono il 6/4. Nel secondo tempo Arneodo e Nys falliscono più volte la possibilità di vincere il gioco in risposta; sono più concreti Gaio e Pellegrino che sfruttano la prima e vanno 4/2. Immediato il controbreak. Sul 5 pari i monegaschi fanno il break e poi chiudono 7/5.

Campo centrale: Mager Gianluca – Caruso Salvatore 7/6 6/2

Si accendono i riflettori e va in scena un’altra sfida tutta italiana. Caruso cede subito il servizio a 30. Ma nel sesto il sanremese va sotto 0-40 e subisce il break a 15: 3 pari. Nell’ottavo game 30-30, due punti Caruso e il siciliano è sul 5 a 3. Mager non molla e strappa il servizio a 0: 4/5. Mager serve sul 5/6. Lo tiene a 15 e si va al tie-break. Gianluca parte forte e va sul 3 a 0, poi sul 5-3 e chiude 7 a 4. Primo game del secondo set combattuto, è di Mager. Nel secondo, da 40-0, Caruso cede e perde il servizio. Poi Mager va agevolmente sul 3/0, poi mantiene le distanze e va sul 5/2. Il sanremese vince 6/2 per la gioia dei suoi tifosi. È il secondo incontro odierno vinto da chi ha una classifica peggiore, la seconda testa di serie eliminata.

Campo centrale: Bagnis Facundo – Travaglia Stefano 6/3 3/6 3/6

Primo game interrotto da una molesta suoneria di un cellulare; poi Bagnis lo fa suo. Nel sesto gioco ci solo le prime due palle break, Travaglia le annulla. Nell’ottavo gioco un lunghissimo scambio porta Bagnis a due break point: trasforma il secondo, 5/3. Chiude 6/3 in 40 minuti. In apertura di secondo set Travaglia vince un gioco sofferto in cui annulla due palle break. Nel secondo game ne annulla uno Bagnis. L’ottavo gioco vede Travaglia fare il break e andare 5/3, per poi vincere 6/3. In apertura di terzo set Stefano non trasforma altre quattro palle break. Si riscatta nel quinto game, quando strappa il servizio dell’avversario a 30. Infine, Bagnis va a servire sul 3/5 e il marchigiano si conquista la palla match con un rovescio spettacolare, trasformandola per il definitivo 6/3 in 2 ore 20 minuti.

Il tabellone del singolo, trentaduesimi di finale:
Hanfmann Yannick (GER) b. Vavassori Andrea (ITA) 6/4 5/7 1/6
Molcan Alex (SVK) b. Bellucci Thomaz (BRA) 6/4 7/5

Il tabellone del singolo, sedicesimi di finale:
Sonego Lorenzo (ITA, 1) – Hanfmann Yannick (GER)
Tabilo Alejandro (CHI) – Vesely Jiri (CZE, 16)
Zeppieri Giulio (ITA) b. Giustino Lorenzo (ITA, 12) 6/3 6/2
Travaglia Stefano (ITA, 6) b. Bagnis Facundo (ARG) 3/6 6/3 6/3
Kohlschreiber Philipp (GER, 4) – Musetti Lorenzo (ITA)
Zapata Miralles Bernabe (ESP) b. Coppejans Kimmer (BEL, 15) 6/2 6/4
Andreozzi Guido (ARG, 10) b. Ofner Sebastian (AUT) 4/6 6/3 6/0
Baldi Filippo (ITA) – Carballes Baena Roberto (ESP, 5)
Munar Jaume (ESP, 7) b. Berlocq Carlos (ARG) 3/6 7/6 6/4
Davidovich Fokina Alejandro (ESP, 11) b. Galovic Viktor (CRO) 6/0 6/4
Daniel Taro (JPN, 14) – Safwat Mohamed (EGY) 6/3 5/7 6/4
Coria Federico (ARG) – Cecchinato Marco (ITA, 3)
Monteiro Thiago (BRA, 8) b. Pellegrino Andrea (ITA) 6/3 6/4
Mager Gianluca (ITA) b. Caruso Salvatore (ITA, 9) 7/6 6/2
Balazs Attila (HUN, 13) – Molcan Alex (SVK)
Gaio Federico (ITA) – Ramos-Vinolas Albert (ESP, 2)

Il tabellone del doppio, ottavi di finale:
Middelkoop Matwe / Zelenay Igor (NED/SVK, 1) – Neis Fabricio / Vega Hernandez David (BRA/ESP)
Begemann Andre / Mergea Florin (GER/ROU) – Giannessi Alessandro / Mager Gianluca (ITA/ITA)
Dutra Silva Rogerio / Jebavy Roman (BRA/CZE, 4) – Brkic Tomislav / Pavic Ante (BIH/CRO)
Behar Ariel / Escobar Gonzalo (URU/ECU) b. Giustino Lorenzo / Granollers Gerard (ITA/ESP) 6/3 6/2
Balazs Attila / Romboli Fernando (HUN/BRA) b. Junaid Rameez / Raja Purav (AUS/IND) 7/6 7/6
Baldi Filippo / Caruso Salvatore (ITA/ITA) – Andreozzi Guido / Molteni Andres (ARG/ARG, 3)
Coppejans Kimmer / Monteiro Thiago (BEL/BRA) – Bagnis Facundo / Travaglia Stefano (ARG/INT)
Arneodo Romain / Nys Hugo (MON/MON) b. Gaio Federico / Pellegrino Andrea (ITA/ITA) 6/4 7/5