Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Aon Open Challenger: Ramos-Vinolas, Kohlschreiber e Travaglia ai quarti di finale foto

Davidovich Fokina fa sua la sfida spagnola con Munar. Mager battuto in tre set. Sonego sotto di un set, poi la sospensione

Genova. Inizia alle ore 12, sui campi di Valletta Cambiaso, la quarta giornata della 17ª edizione dell’Aon Open Challenger. Oggi, giovedì 5 settembre, si giocano gli ottavi di finale del singolo e i quarti di finale del doppio.

Ecco gli aggiornamenti degli incontri odierni.

Campo centrale: Andreozzi Guido – Baldi Filippo 6/3 7/5

Baldi, dopo il colpo dell’eliminazione di Carballes Baena, prova a ripetersi con Andreozzi, numero 10 del torneo. Nel terzo e nel quarto game si registrano break e controbreak, entrambi a 30: 2 pari. Poi non ci sono più balle break fino all’ottavo gioco, quando Baldi ne annulla una e perde la seconda. L’argentino va a servire sul 5/3 e chiude con un gioco a 15. Combattuti i primi due giochi del secondo set, nei quali entrambi annullano una palla break. Filippo va al servizio sull’1/1 e perde il gioco a 30. Prova l’immediato controbreak, ma Andreozzi annulla l’unica possibilità del milanese. Si arriva al 4/3 con Guido in battuta e Baldi ha la forza di strappargli il servizio. Ma sul 5/5 è Filippo ad essere brekkato. Andreozzi serve per il match e chiude con un gioco a 0. È il primo ad entrare nei quarti di finale.

Campo numero 1: Munar Jaume – Davidovich Fokina Alejandro 6/4 4/6 3/6

Sfida di alto livello tra due spagnoli emergenti, numero 97 e 126 del mondo. Il primo gioco vede Davidovich Fokina tenere il servizio dopo aver annullato ben quattro palle break. Munar domina nei turni in battuta, Alejandro soffre un po’ di più e nel nono game deve fronteggiare due break point: il secondo lo perde e si trova sotto 4/5. Munar serve per il set, va in svantaggio 15-40, ma dopo aver annullato tre palle break chiude il primo parziale in suo favore. Nel secondo set i primi tre giochi vengono vinti da chi è in risposta: 2/1 per Munar. Il sesto game vede Jaume subire il break: 3 pari. Poi Davidovich Fokina perde il servizio a 30. Munar va in battuta sul 4/3, si trova 0-40, annulla due palle break ma non la terza: 4 pari. Alejandro tiene il servizio a 15, poi brekka l’avversario e pareggia i conti con un 6/4. Una partita in cui il servizio conta davvero poco: il terzo set conferma questo dato di fatto, con tre break nei primi quattro giochi. Unica eccezione il secondo turno in battuta di Davidovich Fokina, vinto a 0: Alejandro avanti 3/1. Poi, Davidovich Fokina allunga ancora andando sul 5/1. Va a servire per il match e ha un breve passaggio a vuoto, permettendo a Munar di portarsi sul 5/2. Sul servizio dell’avversario, il 20enne spagnolo si procura tre palle match ma non riesce a trasformarle. Poi, in battuta, riesce a portare a termine l’incontro: 6/3. Esce così la testa di serie numero 7.

Campo numero 2: Brkic Tomislav / Pavic Ante – Behar Ariel / Escobar Gonzalo 4/6 1/6

Il primo set vive un break e controbreak nel quarto e quinto gioco. Per il resto c’è una prevalenza di chi è al servizio con ben tre giochi su nove che terminano a 0. Nel decimo game, la svolta: Behar ed Escobar vanno avanti 0-40 sul servizio degli avversari; il bosniaco e il croato annullano un match point e poi cedono: 6/4 per i sudamericani. Nel secondo set Behar ed Escobar vincono i primi cinque giochi, mostrando maggiore affiatamento rispetto ai rivali. Sesto game a Brkic e Pavic, ma in risposta i due europei si fermano a 30. Finisce 6/1 e il torneo di doppio ha la sua prima coppia semifinalista.

Campo centrale: Zeppieri Giulio – Travaglia Stefano 2/6 2/6

Travaglia parte forte, strappando il servizio al romano a 0. Anche nel terzo game il marchigiano riesce a spuntarla, ai vantaggi: 3/0. Zeppieri ha un sussulto e vince a 0 il successivo gioco in risposta. Ma il controbreak è immediato: 4/1. Travaglia serve e viene brekkato a 0: è il terzo game vinto da chi risponde senza cedere un solo punto, fatto molto inusuale. Zeppieri, però, non riesce ad essere costante e perde il servizio a 30: 2/5. Stefano serve per il set e lo porta a casa per 6/2. Rapido il primo set, durato 45 punti; ancor più rapido il secondo, che finisce in 44 punti. Travaglia mette a segno il break al terzo gioco, poi si ripete nel settimo. Col servizio il marchigiano non rischia mai e chiude agevolmente 6/2. Travaglia, numero 6 del torneo, va a prendersi il suo posto nei quarti di finale. Zeppieri, classe 2001, archivia molto positivamente un altro torneo che lo lancia verso il tennis dei grandi.

Campo numero 1: Balazs Attila – Ramos-Vinolas Albert 1/6 3/6

Balazs si aggiudica il primo gioco, in battuta. Poi Ramos-Vinolas, nonostante un doppio fallo, pareggia i conti. A quel punto lo spagnolo sale in cattedra e brekka tre volte su tre l’ungherese, al termine di tre giochi molto combattuti ai vantaggi, inframezzati da due turni di servizio tenuti a 0: 6/1. Il secondo parziale è più combattuto. L’avvio è ancora favorevole ad Albert, che tiene il servizio e brekka l’avversario. Poi, però, Balazs ha le sue prime palle break dell’incontro e trasforma la quarta: 1/2. Quattro giochi rapidi vinti da chi batte: 3/4. Poi, Ramos-Vinolas accelera: strappa il servizio all’avversario a 30 e tiene il suo a 30, chiudendo 6/3. Il numero 2 del torneo avanza agevolmente, recuperando le energie spese ieri.

Campo numero 2: Middelkoop Matwe / Zelenay Igor – Begemann Andre / Mergea Florin 3/6 6/1 10-6

Partita difficile per la coppia numero 1 del torneo che nel primo turno di servizio arriva 40-40 e perde il punto, trovandosi sotto 0/2. Il resto del set scorre via molto rapidamente: non si arriva più al sudden death point, non ci sono palle break: Begemann e Mergea chiudono 6/3. Middelkoop e Zelenay reagiscono e nel quarto gioco del secondo set fanno il break a 15. L’olandese e lo slovacco tengono i due seguenti turni di servizio giunti al 40-40 e, nel mezzo, piazzano un altro break a 15. Si arriva così al super tie-break, nel quale Middelkoop e Zelenay dal 2-1 in poi conducono sempre, arrivando 3-1, 5-2, 7-4, 9-5 e scrivendo la parola fine sul match con un 10-6.

Campo centrale: Daniel Taro – Coria Federico 7/6 6/4

Entrambi giungono da impegnativi incontri giocati ieri. Daniel parte bene e conquista quattro dei primi cinque giochi, con un solo passaggio a vuoto nel terzo nel quale cede il servizio a 0. Coria non molla, tiene il servizio a 0 e trasforma la seconda palla break che ha a disposizione nel gioco successivo. Poi in battuta non concede nemmeno un punto al giapponese e si va sul 40 pari. Poi altri quattro giochi dominati da chi serve e si arriva al tie-break. Daniel dal 2-1 si porta al 5-1; reazione di Coria che rientra sul 5-5, ma gli ultimi due punti sono di Taro che fa suo il primo set. Nel secondo set, nei primi giochi entrambi annullano due break point e si arriva al 2/2. Poi, tre break consecutivi: di Daniel a 15, di Coria a 30 e ancora del giapponese, a 30. Ora Taro conduce 4/3 e servizio. In battuta non corre più rischi e così il giapponese si impone per 6/4, andando a prendere in tabellone il posto che sarebbe stato del numero 3.

Campo numero 1: Monteiro Thiago – Mager Gianluca 4/6 6/4 6/4

Dopo aver eliminato Caruso, Mager cerca un altro scalpo importante. Dopo un avvio di partita all’insegna del servizio, nel quinto gioco il sanremese fa il break. Sul 4/3 Gianluca tiene la battuta a 0 e poi, nel game seguente, non trasforma due palle break. Infine, chiude il set per 6/4. Secondo set nel quale entrambi continuano mostrare un buon rendimento col servizio; fanno eccezione quinto e sesto gioco, con break e controbreak. Dal 3/3 si arriva al 5/4 per Monteiro; a quel punto il brasiliano ha due palle break per vincere il set e alla seconda ci riesce: 6/4. Mager non accusa il colpo, anzi: in avvio di terzo set strappa il servizio al brasiliano. Si prosegue con rapidi turni di servizio, fino al 4/3 30-15 per l’italiano, che a quel punto subisce tre punti di fila: 4 pari. Da quel momento in poi in campo c’è solo Monteiro, che si impone per 6/4.

Campo numero 2: Bagnis Facundo / Travaglia Stefano – Arneodo Romain / Nys Hugo 6/3 7/5

Partono al servizio Bagnis e Travaglia. I primi sette giochi sono vinti da chi è in battuta, senza mai arrivare al 40-40. L’ottavo game vede Arneodo e Nys commettere tre doppi falli consecutivi e consegnare il successo nel set all’argentino e all’italiano, che chiudono vincendo a 15 il game di servizio. Nel secondo set è netto il predominio della coppia che va in battuta; solamente nell’ottavo gioco si arriva al sudden death point, senza break. Si giunge così al 5 pari, con Arneodo e Nys in battuta che subiscono il break a 15. Poi Bagnis e Travaglia non sprecano l’opportunità e con un 7/5 guadagnano l’accesso alla semifinale, eliminando la coppia numero 2 del torneo.

Campo centrale: Kohlschreiber Philipp – Zapata Miralles Bernabe 7/5 7/5

Lo spagnolo, fin qui protagonista di un ottimo torneo, prova ad ostacolare il quotato tedesco. Kohlschreiber parte con un break in apertura. Poi entrambi tengono il servizio piuttosto agevolmente; si annota solamente una palla break non trasformata da Zapata Miralles sul 4/3. Si arriva così al 5/4, con Philipp che, in battuta, deve fronteggiare due break point; il secondo lo perde, 5/5. Negli ultimi due giochi, però, il tedesco concede solamente due punti e così si impone per 7/5. Il secondo set si apre come il primo, con un break di Kohlschreiber, questa volta al termine di un gioco lungo sedici punti. Nel game successivo Philipp annulla una palla break; Zapata Miralles ne annulla due nel quinto gioco. Sul 3/2 il tedesco al servizio si trova 0-40 e annulla due break point, ma non il terzo. Sul 4/3 per lo spagnolo, Kohlschreiber fronteggia con successo un’altra palla break. Sul 4/4 Bernabe dallo 0-40 riesce a vincere il gioco; anche sul 5/5 si ritrova 0-40 e questa volta si arrende subito. Kohlschreiber serve sul 6/5 e con un gioco a 0 chiude l’incontro.

Campo numero 1: Balazs Attila / Romboli Fernando – Andreozzi Guido / Molteni Andres 3/6 2/6

Seconda vittoria odierna dopo quella in singolo per Andreozzi, seconda sconfitta per Balazs. Nei primi cinque giochi dell’incontro la coppia al servizio vince agevolmente; nel sesto l’ungherese e il brasiliano riescono ad evitare il peggio suo 40-40. Non ne sono capaci, invece, nell’ottavo game, quando si trovano sotto 15-40 e cedono alla seconda palla break. Poi gli argentini incassano il set con un 6/3. Nel secondo set si ripete quanto avvenuto nell’ultimo turno di servizio di Balazs e Romboli: 15-40 e gioco a 30 per Andreozzi e Molteni. Poi si prosegue, con una pausa dovuta all’interruzione causata dalla pioggia, tenendo sempre il servizio fino al 2/4, quando gli argentini, in risposta, si portano 15-40 per aggiudicarsi il gioco a 30. Infine, chiudono col servizio: 6/2.

Campo centrale: Sonego Lorenzo – Vesely Jiri 6/7 1/2 sospesa

Si inizia in ritardo, a causa della pioggia. Si gioca in una serata molto ventosa. Sonego parte malissimo, cedendo il servizio a 0. Nel quarto game ottiene il controbreak: 2/2. Il quinto gioco, però, vede il torinese perdere nuovamente il turno di battuta. Nel game successivo Sonego non trasforma una palla break. Vesely va a servire per il set sul 5/4 ma viene brekkato a 0. Poi un turno di battuta agevole per entrambi ed è tie-break. Sonego va sotto 2-5, recupera fino al 5-5 e passa a condurre, ma Vesely annulla il set point e a sua volta ne conquista uno, chiudendo con un ace: 7/6 per il ceco. Alle 23,11 inizia il secondo set. Il primo gioco dura dodici punti, con Lorenzo che non trasforma due palle break. Sul 2/1 per il ceco la partita viene sospesa e rimandata a domani.

Il tabellone del singolo, ottavi di finale:
Sonego Lorenzo (ITA, 1) – Vesely Jiri (CZE, 16)
Travaglia Stefano (ITA, 6) b. Zeppieri Giulio (ITA) 6/ 2 6/2
Kohlschreiber Philipp (GER, 4) b. Zapata Miralles Bernabe (ESP) 7/5 7/5
Andreozzi Guido (ARG, 10) b. Baldi Filippo (ITA) 6/3 7/5
Davidovich Fokina Alejandro (ESP, 11) b. Munar Jaume (ESP, 7) 4/6 6/4 6/3
Daniel Taro (JPN, 14) b. Coria Federico (ARG) 7/6 6/4
Monteiro Thiago (BRA, 8) b. Mager Gianluca (ITA) 4/6 6/4 6/4
Ramos-Vinolas Albert (ESP, 2) b. Balazs Attila (HUN, 13) 6/1 6/3

Il tabellone del doppio, quarti di finale:
Middelkoop Matwe / Zelenay Igor (NED/SVK, 1) b. Begemann Andre / Mergea Florin (GER/ROU) 3/6 6/1 10-6
Behar Ariel / Escobar Gonzalo (URU/ECU) b. Brkic Tomislav / Pavic Ante (BIH/CRO) 6/4 6/1
Andreozzi Guido / Molteni Andres (ARG/ARG, 3) b. Balazs Attila / Romboli Fernando (HUN/BRA) 6/3 6/2
Bagnis Facundo / Travaglia Stefano (ARG/ITA) b. Arneodo Romain / Nys Hugo (MON/MON, 2) 6/3 7/5