Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Anoressia, bulimia & Co: alle primarie del Golfo Paradiso i disordini alimentari diventano materia scolastica

In 11 classi quarte "elementari" parte il progetto di prevenzione lanciato dai professionisti della rete FoodNet e dall'associazione Mi Nutro Di Vita

Genova. Gli studenti di 11 classi quarte di 7 scuole primarie del golfo Paradiso, nel levante di Genova, saranno protagonisti di un progetto di prevenzione dei disturbi alimentari nell’infanzia. I Comuni interessati sono quelli di Avegno, Bogliasco, Camogli, Pieve Ligure, Recco, Sori, e Uscio.

Anoressia, bulimia, legame tra cibo ed emozioni, cattive abitudini, ma anche ortoressia e vigoressia (forse non ne avete mai sentito parlare ma sono fenomeni in ascesa), saranno vere e proprie materie scolastiche grazie a un’iniziativa lanciata dalla rete di prevenzione nazionale FoodNet e dall’associazione Mi Nutro di Vita, fondata da Stefano Tavilla, padre di Giulia, morta a 17 anni a causa degli effetti della bulimia.

Il progetto FoodNet prevede incontri di prevenzione condotti da psicologi specializzati in disturbi dell’alimentazione che hanno messo a punto un modello di intervento, con materiali creativi, cartoni animati, “carte d’identità alimentari” e altro ancora per affrontare queste tematiche delicatissime con il linguaggio e la leggerezza adatti ai bambini di quell’età.

Generica

Tipicamente l’esordio dei disturbi alimentari avviene nella fascia di età compresa tra i 12 e 25 anni, ma negli ultimi anni si è assistito alla progressiva anticipazione di queste problematiche. La fascia infatti si sta allargando con un preoccupante abbassamento fino all’età pediatrica: si parla di “baby anoressia” nel 3% della popolazione tra gli 8 e gli 11 anni.

“Quando abbiamo sentito parlare di FoodNet, abbiamo subito capito che condividevamo un grande obiettivo: realizzare interventi che agiscano prima che il Disturbo Alimentare sia conclamato. Prevenzione significa giocare d’anticipo, prima che una difficoltà legata al cibo o all’identità corporea si trasformi in un disturbo vero e proprio” afferma Stefano Tavilla, fondatore di Mi Nutro Di Vita, che è anche l’associazione promotrice della Giornata Nazionale del Fiocchetto Lilla, a favore della cura dei disturbi alimentari.

Gli interventi nelle classi quarte delle scuole del Golfo Paradiso avranno luogo tra ottobre e novembre 2019. Questo venerdì 27 alle 17 il progetto sarà presentato a Camogli, nella sede della Proloco. Il 6 dicembre a Recco saranno presentati i risultati.