Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

“Aiutare chi ha aiutato”, dalle donne del Soroptimist una tenda e un’automedica per i soccorritori di ponte Morandi

Attraverso una raccolta fondi tra i club italiani dell'associazione filantropica sono stati aiutati i vigili del fuoco dell'unità cinofila e il 118

Genova. I due club genovesi del Soroptimist, associazione filantropica femminile presente a livello internazionale, hanno donato ai vigili del fuoco di Genova e al servizio 112-118 del San Martino una tenda da campo attrezzata per l’unità cinofila e un’automedica 4×4.

La cerimonia di consegna è avvenuta questa mattina al comando centrale dei vigili del fuoco, a San Benigno, alla presenza delle autorità tra cui il sindaco Marco Bucci, la vicepresidente della Regione Sonia Viale, la viceprefetto Maria Pia Giacobone e i massimi esponenti delle forze dell’ordine e del mondo economico cittadino.

Il gesto di solidarietà nasce dalle varie attività messe in campo dall’associazione dopo il crollo di ponte Morandi. “Abbiamo voluto fare qualcosa di concreto per chi è stato così vicino ai cittadini e alle persone in difficoltà”, hanno spiegato Cristina Bagnasco e Paola Benedusi, rispettivamente presidenti dei Club Genova e Genova Due del Soroptimist.

I due oggetti donati sono frutto di reali esigenze: il carrello tender con la tenda da campo e cucina è in grado di ospitare quattro istruttori con i loro cani molecolari direttamente sulle sedi dei disastri ed è molto utile per avere ricovero e pasti senza cercare altre strutture inadatte o lontane, l’automedica 4×4 attrezzata può arrivare in zone collinari o nelle crose più strette. Nei giorni in cui la Valpolcevera era isolata un mezzo simile sarebbe stato molto utile per il servizio sanitario.

Nei mesi scorsi, dal disastro del Morandi, il Soroptimist ha organizzato varie iniziative, dalla promozione dell’acquisto di un migliaio di magliette con il logo di Genova nel cuore ai “cesti solidali” comprati nei negozi di Certosa e inviati in tutta Italia come strenne natalizie fino, appunto, alla raccolta fondi “Aiutare chi ha aiutato”.