Le dichiarazioni

Toti: “Paese ha bisogno di nuovi oleodotti, autostrade e invasi idrici”. E su Salvini: “Onore e onere di far opposizione”

Il governatore rilancia sulle grandi opere

passeggiata di voltri
Foto d'archivio

Genova. “Matteo Salvini ha l’onore e l’onere di costruire attorno alla sua figura e alla Lega un movimento che sappia interpretare un’opposizione che non sia solo quella delle piazze ma deve essere anche quella del buonsenso, del sogno, delle nuove frontiere di questo paese”.

Cosi’ il presidente della Regione Liguria e fondatore di Cambiamo!, Giovanni Toti, nel corso di una diretta Facebook per commentare la formazione del nuovo governo M5s-Pd. Il centrodestra, secondo il governatore, deve sapere “interpretare il malcontento che seguira’ la formazione cosi’ bizzarra di un governo. Serve un’opposizione fatta da tante anime che devono decidere quale sogno vogliamo dare a questo paese, su cui costruire futuro e realta’”.

Per Toti, riporta l’agenzia Dire, c’e’ bisogno di “costruire un centrodestra davvero nuovo nelle sue ricette: la classe media italiana si e’ impoverita mentre si arricchivano le altri classe medie del continente. Abbiamo bisogno di un piano per nuovi oleodotti, invasi idrici, strade e autostrade. E abbiamo bisogno che vengano costruiti realmente. Serve un nuovo rapporto con l’Europa da costruire senza sudditanza ne’ isolazionismo. Dobbiamo dare centralita’ agli amministratori locali che ancora godono della fiducia dei cittadini. La politica della Seconda Repubblica non e’ stata in grado di cambiare a seconda delle nuove esigenze dei cittadini”.

Insomma, sintetizza il governatore, “c’e’ una coalizione tutta da ricostruire, da inventare, senza chiusure ne’ veti e con grande capacita’ di coinvolgimento e di apertura”. E, in questo contesto, anche Cambiamo! vuole esserci, “senza chiedere nulla in cambio, solo col desiderio di coinvolgere una classe dirigente che finora non e’ stata coinvolta”.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.