Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Toti – Berlusconi, l’ora del divorzio: il governatore ligure fuori dal coordinamento di Forza Italia

Genova. Giovanni Toti e Forza Italia sono ormai sulla via del divorzio. Lo ha detto lo stesso presidente della Regione Liguria lasciando la riunione sulle regole della “nuova” forza Italia. Che tanto nuova, per Toti, non è. Ed è questo il problema.

“Non si ha intenzione di cambiare alcunché, dunque credo che questa avventura onestamente finisca qua. Buona fortuna a tutti”. Esce da Forza Italia? Gli hanno chiesto i giornalisti? “Mi pare che ci siano le condizioni per cui ognuno vada per conto suo. Semmai è Forza Italia che esce da se stessa…”. Qualunque cosa sia, non avverrà tra molto, forse tra due o tre giorni secondo fonti interne a Forza Italia.

Per capire come l’ha presa Toti, basta dare un’occhiata a questo post pubblicato su Facebook, in cui comunque il politico lancia l’idea di un tour in Italia per rilanciare la sua idea di centrodestra moderato:

Anche perché oggi il presidente del partito, Silvio Berlusconi, ha deciso la nomina di un coordinamento di presidenza e di questo coordinamento Toti non fa parte. Ci sono invece la senatrice Annamaria Bernini, la vicepresidente della Camera Mara Carfagna, i deputati Mariastella Gelmini, Sestino Giacomoni e il vicepresidente di Forza Italia Antonio Tajani. Nomine che non sono state apprezzate neppure dalla stessa Mara Carfagna: “È una scelta in direzione esattamente contraria alle intenzioni che mi ha manifestato Berlusconi. Credo che questo sia il modo migliore per uccidere Forza Italia e io non farò parte del comitato di liquidazione”.

Ieri, intanto, Silvio Berlusconi aveva lanciato “L’altra Italia”, un nuovo – si fa per dire – soggetto politico che dovrebbe chiamare a raccolta i moderati.

In queste ore solidarietà da parte di alcuni collaboratori di Giovanni Toti, in primo luogo gli assessori Giacomo Giampedrone, Ilaria Cavo e Marco Scajola.