Quantcast
Nel consiglio dei ministri

Ponte Morandi, ora è ufficiale, prorogato lo stato di emergenza

La decisione era già stata anticipata dalla delegazione genovese che si era recata a Roma martedì

assemblee pubbliche esplosione ponte morandi

Genova. L’ufficialità è arrivata. Il consiglio dei ministri ha deliberato la proroga di un anno (fino al 15 agosto 2020) dello stato di emergenza per il crollo del ponte Morandi. Il provvedimento è stato pubblicato nella consueta nota al termine della riunione.

“Il consiglio dei ministri ha deliberato la proroga dello stato di emergenza in conseguenza degli eventi che si sono verificati il 14 agosto 2018 nel territorio del Comune di Genova a causa del crollo di un tratto del viadotto Polcevera, noto come ponte Morandi, sulla A10”.

La decisione era già stata anticipata dalla delegazione genovese che si era recata a Roma martedì. Il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti è stato prorogato di un anno come commissario all’emergenza: “Siamo soddisfatti per la rapidità con cui il governo ha accolto le nostre richieste, come ci avevano garantito nell’incontro a Palazzo Chigi di due giorni fa – dichiara – questo passaggio era fondamentale per proseguire il grande lavoro fatto fino a oggi e dare al territorio tutte le risposte di cui ha bisogno, fino alla ricostruzione del nuovo ponte”.

Ancora non è stato prorogato invece l’incarico del commissario per la ricostruzione Marco Bucci, che scade a ottobre.