Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Non rientra in carcere dopo permesso premio, ricercato uomo di 34 anni foto

Probabilmente, fa sapere la polizia penitenziaria, ha compiuto una rapina in farmacia ieri sera

Genova. È italiano, doveva scontare una pena sino al 2020 ed è nato nel 1985. Un uomo, F.C., tossicodipendente e già con diverse rapine alle spalle, ieri ha deciso di non rientrare da permesso premio di 8 ore. Dalle 17 di ieri risulta evaso, annuncia Fabio Pagani, segretario regionale della Uil Polizia penitenziaria. Potrebbe essere stato proprio lui, fa sapere Pagani, a compiere una rapina in una farmacia nei vicoli di Genova ieri sera.

“Un fatto grave, proprio il giorno dopo in cui il ministro Bonafede ha sottoscritto l’accordo Mi riscatto a Genova per l’impiego di detenuti in lavori di pubblica utilità. Speriamo che quanto accaduto non infici l’istituto della concessione dei permessi ai detenuti, ma una riflessione bisogna pur farla: è fondamentale potenziare i presidi di polizia sul territorio, anche negli uffici per l’esecuzione penale esterna potenziamento assolutamente indispensabile per farsi carico dei controlli sull’esecuzione proprio dei permessi premio, delle misure alternative alla detenzione. E per farlo, servono nuove assunzioni nel corpo di polizia penitenziaria. La sicurezza dei cittadini non può essere oggetto di tagli indiscriminati e ingiustificati e non può essere messa in condizione di difficoltà se non si assumono gli agenti di Polizia penitenziaria”.

La Uilpa si appella al ministro: “Il diuturno sacrificio delle donne e degli uomini del corpo di Polizia penitenziaria che ogni giorno rappresentano lo Stato nonostante vuoti organici, carenze di risorse economiche, fatiscenza delle strutture e tecnologie insignificanti, subendo anche continue aggressioni da parte dei detenuti, non può essere reso vano da chi detiene la responsabilità amministrativa e, soprattutto, politica delle carceri”.