Quantcast
Il rito

L’ultimo saluto alle vittime del Morandi degli sfollati e della comunità sotto il ponte fotogallery

Palloncini bianchi e rose nel Polcevera per ricordare chi ha perso la vita nella tragedia per l'ultima volta

Generica

Genova. Oltre 200 persone si sono trovate, come ogni 14 del mese, da settembre a questa parte sotto il “ponte di ferro” della ferrovia in via Walter Fillak, la strada tuttora interrotta dalle macerie del Morandi, per ricordare le 43 vittime.

Una breve processione accompagnata da palloncini bianchi, il suono di una campana tibetana, una preghiera e poi il lancio nel torrente Polcevera di 43 rose, è stato il rito messo in atto, per l’ultima volta dal comitato degli sfollati di via Porro e via Del Campasso insieme ai commercianti e ai cittadini dei quartieri vicini al viadotto.

“Abbiamo voluto per l’ultima volta ricordare chi ha perso la vita nella tragedia – ha detto Franco Ravera, presidente del comitato – perché non esistono dolori diversi da altri, esistono diverse gradazioni di dolore, e la più forte è quella di chi ha perso i propri familiari, poi viene chi ha perso la propria casa o la propria attività economica, da oggi però vogliamo guardare avanti”.

leggi anche
  • Dettagli
    “Quel crocifisso che guardava il Ponte”. Il simbolismo della cerimonia di suffragio per le vittime del Morandi
    Commemorazione vittime Ponte Morandi
  • La commemorazione
    Ponte Morandi, un anno dopo. Genova si stringe nel ricordo insieme a tutto il paese
    Commemorazione vittime Ponte Morandi
  • Le parole
    “Una ferma volontà di ripresa”, l’omelia del cardinal Bagnasco per la messa di commemorazione delle vittime del Morandi
    Commemorazione vittime Ponte Morandi
  • Non graditi
    Commemorazione vittime del Morandi, delegazione Autostrade abbandona l’area su richiesta dei familiari delle vittime
    Commemorazione vittime Ponte Morandi