Quantcast
Catechismo

Crisi di governo, Bagnasco: “Confido in senso di responsabilità. Gli ‘-ismi’ non fanno mai bene”

La preoccupazione dell'arcivescovo di Genova

ANGELO BAGNASCO

Genova. La crisi di governo (“confido nel senso di responsabilità di tutti i soggetti del mondo politico”), i pericoli dietro sovranismi e populismi, l’uso dei simboli religiosi in politica. Sono fra i temi affrontati da Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova e capo dei vescovi europei, in un’intervista a La Repubblica.

“Di fronte ad ogni crisi di governo non può non nascere un senso di preoccupazione, perché la gente ha bisogno di stabilità e di certezza”, dice Bagnasco, che confida “nel senso di responsabilità di tutti i soggetti del mondo politico per superare nel modo migliore e più veloce possibile questo momento” tenendo conto che oggi “non può prescindere da rapporti rispettosi e virtuosi con gli altri popoli del continente europeo”.

Secondo il cardinale “ogni forma di chiusura, sia personale sia collettiva, nega il vero bene”. Poi ricorda che “il popolo è sovrano, invece i populismi ci portano a sovranismi: quel suffisso ‘-ismi’ non fa mai bene”. E sui simboli religiosi nella dialettica politica sottolinea: “I simboli in genere, esprimono quanto è di più prezioso al mondo interiore delle persone e delle comunità, pertanto sono da guardare sempre con venerazione e in modo appropriato”.

Più informazioni