Non registrata

Arenzano, dopo la lite con i vicini, li minaccia con pistola in mano. Arrestato dai carabinieri

L'uomo ha regolare porto d'armi

Generica
Foto d'archivio

Nella serata di ieri, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Arenzano, unitamente ai militari della Stazione di Genova Pegli, hanno tratto in arresto una persona per detenzione abusiva di arma comune da sparo e di munizioni.

L’uomo, un operaio 59enne residente a Genova, a seguito di perquisizione domiciliare, veniva trovato in possesso di una pistola Smith&Wesson calibro 32 e di 10 proiettili del medesimo calibro, con regolare matricola ma detenuta illegalmente e non censita nella Banca Dati Nazionale.

Contestualmente, i militari dell’Arma hanno proceduto al ritiro cautelativo di sette fucili da caccia legalmente detenuti dall’arrestato che è in possesso di regolare licenza di porto d’armi. Rispetto al possesso della pistola, l’uomo si è giustificato asserendo di averla trovata in campagna.

La perquisizione domiciliare è scaturita a seguito del litigio per futili motivi intercorso tra il 59enne e due persone, in corso di identificazione, che sarebbero state minacciate proprio con la pistola poi sequestrata. L’arrestato è stato associato al Carcere di Marassi.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.