Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Subacquea: 55 mila euro ad Arpal per trovare nuovi percorsi e punti di attrazione

La convenzione fa parte del progetto europeo Neptune

Genova. Arpal, su mandato di Regione Liguria (e grazie a uno stanziamento di 55 mila euro), andrà in esplorazione subacquea lungo le coste liguri alla ricerca di nuovi siti a elevata valenza naturalistica, di nuovi percorsi e punti di attrazione ancora poco valorizzati per il diving.

Regione Liguria e Arpal sottoscriveranno una convenzione approvata dalla giunta regionale, all’interno del progetto europeo di cooperazione Marittimo 2014-2020 Neptune, che ha come obiettivo generale quello di attuare una strategia transfrontaliera condivisa per la gestione di percorsi sommersi di alto valore naturale e culturale, per migliorare la conservazione e lo sviluppo del patrimonio sommerso a cavallo tra Italia e Francia.

“Questo progetto – spiega l’assessore all’Ambiente Giacomo Giampedrone – è una delle prime attività progettuali sviluppate per dare corpo al Protocollo di Intesa per la promozione del Distretto Ligure della Subacquea, che vuole costituire un sistema delle attività subacquee professionali e ricreative: siamo convinti che mettere a sistema le diverse realtà della subacquea in Liguria possa valorizzare appieno il grande potenziale dei nostri ambienti sommersi”.

“La Liguria – aggiunge Giampedrone – offre agli appassionati di subacquea un mondo sottomarino in parte ancora da esplorare, con punti di immersione di interesse naturalistico ma anche relitti affondati. Le Aree marine protette sono già conosciute e fruite dai divers, ma c’è ancora molto da scoprire: per questo vogliamo andare alla ricerca di siti di grande interesse naturalistico al di fuori di quelli già conosciuti e praticati. In questo modo arricchiamo la mappa della Liguria di punti di interesse e di attrazione per un mercato di nicchia, ma molto proficuo dal punto di vista turistico. Oltre a questo, miglioriamo la conoscenza delle nostre coste per tutelare ancora meglio di quanto stiamo già facendo il nostro ambiente”.